Venezia, Zenga: "Il nostro traguardo è la ferocia, chi non dà il massimo non gioca"

L'Uomo Ragno, neo tecnico dei lagunari, si presenta: "Non parlo di posizioni, non esiste un modulo ma un progetto"

Venezia, Zenga: "Il nostro traguardo è la ferocia, chi non dà il massimo non gioca"

"Il traguardo è la ferocia che i ragazzi avevano la scorsa stagione, di posizioni e campionato non voglio parlarne". Ha le idee chiare Walter Zenga, chiamato a risollevare le sorti del Venezia: domenica 21 l'esordio in panchina contro il Verona. "Voglio ragazzi che si allenano, che vogliono allenarsi e che abbiano voglia di vincere - ha detto ancora - Io chiedo solo una cosa: il massimo in campo e chi non me lo dà non gioca. Punto".

"Sono al Venezia perché sono contento di questa opportunità che è nata da un grande feeling con il presidente Joe Tacopina, ma anche perché questa è una società storica nella città più conosciuta al mondo - ha proseguito Zenga - Appena mi hanno chiamato sono partito da Dubai dove vivo e ho lasciato lì la famiglia, non ci torno perché c'è da lavorare subito e non vedere gli affetti è un prezzo che per la squadra sono pronto a pagare". E ancora: "Non parlo di ciò che è stato e quindi non ho nulla da dire del lavoro del mio amico Vecchi, a lui va solo il mio massimo rispetto. Del resto mi fido solo di quello che vedo. Questa società guardava alla Serie A e alla costruzione del nuovo stadio, sono degli obiettivi naturali ma quello a cui devo guardare io è che non si pensi di vincere con facilità: così si sbaglia l'approccio. Voglio che il Venezia ritrovi il feeling con i suoi tifosi e che lo stadio, come nelle ultime stagioni, torni a essere pieno". Una curiosità: i negozi ufficiali del Venezia hanno già cominciato a vendere la maglia del portiere della squadra arancioneroverde personalizzata con il numero 1 e il nome di Zenga.

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X