SportMediaset

Serie A: Verona-Sampdoria 0-3, l'Hellas ha un piede e mezzo in Serie B

Fantastico primo tempo dei blucerchiati ispirati da Cassano: a segno Soriano, lo stesso talento barese e Lazaros. Per la squadra di Delneri è notte fonda

di ANDREA GHISLANDI

Nel secondo anticipo della 28a giornata di Serie A, la Sampdoria batte 3-0 il Verona al Bentegodi e si toglie dalle sabbie mobili della zona retrocessione. Primo tempo fantastico della squadra di Montella, che sblocca il match con Soriano (6'), raddoppia con Cassano (11') e chiude la pratica con una fantastica girata di Lazaros (30'). L'Hellas è pericoloso solo con Toni e ora la Serie B è davvero dietro l'angolo.

LA PARTITA

Dopo la sconfitta di Udine la strada verso la salvezza si è fatta ancora più dura e quindi l'Hellas contro la Sampdoria ha un solo risultato possibile: la vittoria. In caso contrario, solo l'aritmetica separerebbe Toni e compagni da una retrocessione praticamente certa. Delneri deve fare a meno dello squalificato Pazzini: Rebic vince il ballottaggio con Juanito Gomez. Montella, rinfrancato dalla vittoria contro il Frosinone, presenta una Samp d'assalto, con Lazaros al posto dell'influenzato Dodò e Cassano che prende il posto di Correa appiedato dal giudice sportivo.

L'inizio gara dei blucerchiati è da favola: la qualità di Cassano e compagni mette subito alle corde i padroni di casa. Alvarez scalda i guantoni di Gollini dopo appena 2', prologo del vantaggio doriano: Cassano per Quagliarella, Gollini respinge, ma Soriano è il più lesto e segna con un rasoterra. Un pugno nello stomaco per l'Hellas, che non riesce a reagire come qualche settimana fa contro l'Inter. E la Samp colpisce ancora: su un lungo rilancio dalla difesa, Fares scivola sulla trequarti: Gollini si salva con l'aiuto della traversa sul tiro di Quagliarella, ma per Cassano il tap-in è un gioco da ragazzi. Siamo solo all'11' e il Verona è in ginocchio. Il cuore non manca alla squadra di Delneri, che un minuto dopo potrebbe rientrare in partita, ma Viviano dice no a Toni. La fase difensiva è tutta da registrare, ma in avanti non manca l'impegno e al 17' Cassani salva la Samp, intercettando un assist di Wszolek per Toni. La Samp è assoluta padrona del campo, con Cassano che dipinge calcio, e alla mezzora chiude il match: è spettacolare il tiro al volo dell'ex Lazaros che fulmina Gollini. Quagliarella ha due ghiotte occasioni per fare poker, ma le spreca (soprattutto la seconda innescato da Cassano). Nel finale ci prova ancora Toni, ma Viviano lo anticipa in scivolata. Al duplice fischio di Cervellera, il Bentegodi fischia sonoramente i calciatori del Verona, autori di un primo tempo sconcertante.

In casa Hellas l'unico a crederci è Delneri, che prova a trasmettere la scossa giusta alla sua squadra. Per il Doria il secondo tempo e poco più che un'allenamento e ne risente lo spettacolo, visto che le squadre - a parte qualche rara sortita - per motivi opposti non vedono l'ora di tornare sotto la doccia. Le emozioni si contano così sulle dita di una mano: il volenteroso Toni in apertura di tempo e Juanito Gomez in chiusura scaldano le mani di Viviano. La Samp risponde con Cassano, che spara alto da buona posizione dopo l'uno-due con Fernando e nel recupero con un colpo di testa di Ranocchia a lato di un soffio. La seconda vittoria di fila dà una boccata di ossigeno a Cassano e compagni, mentre il secondo ko consecutivo suona come una condanna per l'Hellas: la Serie B è sempre più vicina.

LE PAGELLE

Fares 4 - Scivola sull'azione che dà il la al gol di Cassano. Delneri lo toglie dopo 28' da incubo.
Toni 5,5 - Ha tre occasioni e le sbaglia: se non segna lui sono guai.
Gollini 6,5 - Fa il suo, ma i compagni sono davvero in giornata no.

Cassano 7,5 - Il gol e tante giocate da campione.
Cassani 7 - Prima da centrale, poi da esterno: gara da incorniciare.
Lazaros 7 - A sinistra fa fatica in copertura, ma il suo gol vale il prezzo del biglietto.

IL TABELLINO

VERONA-SAMPDORIA 0-3
Verona (4-4-2): Gollini 6,5; Pisano 5,5, Moras 5,5, Helander 5, Fares 4 (28' Gilberto 5); Wszolek 6, Ionita 5, Marrone 5,5, Siligardi 5 (11' st Juanito Gomez 5,5); Toni 5,5, Rebic 5 (25' st Romulo 5,5). A disp.: Coppola, Marcone, Samir, Bianchetti, Albertazzi, Jankovic, Furman, Greco, Emanuelson. All.: Delneri 5
Sampdoria (3-4-2-1): Viviano 7; Cassani 7, Ranocchia 6,5, Moisander 6; De Silvestri 6,5, Fernando 6,5, Soriano 7 (28' st Barreto 6), Lazaros 7 (13' st Silvestre 6); Cassano 7,5 (33' st Muriel sv), Alvarez 6,5; Quagliarella 6. A disp.: Puggioni, Brignoli, Pereira, Diakitè, Palombo, Skriniar, Krsticic, Dodò, Rodriguez. All.: Montella 7
Arbitro: Cervellera
Marcatori: 6' Soriano, 11' Cassano, 30' Lazaros
Ammoniti: Lazaros, Fernando, Ranocchia (S), Gilberto, Marrone (V)

TAGS:
Hellas veronaSampdoria
28a giornata
Serie a