TGCOM24
LE NEWS IN TEMPO REALE 24 ORE SU 24. VIDEO, CRONACA, TELEVISIONE, SPORT, MOTORI, VIAGGI

SportMediaset

Roma, Di Francesco e il derby: "Emozione unica, da far tremare le gambe"

Il tecnico giallorosso: "Non ci poniamo limiti, vogliamo restare in alto"

Roma, Di Francesco e il derby: "Emozione unica, da far tremare le gambe"

In casa Roma, Dzeko ha parlato di scudetto entro due anni: "Glielo auguro, non ci poniamo limiti né obbiettivi, sarebbe bello rimanere in alto il più a lungo possibile. Napoli eccellente ma la squadra da battere è ancora la Juve" dice mister Di Francesco a Premium Sport. In vista del derby il tecnico dice: "Faccio i complimenti a Inzaghi. Quella con la Lazio non è una partita come tutte le altre, è un'emozione unica". 

Di Francesco parla del momento della sua squadra: "Siamo in crescita, peccato per la sosta però fa parte del gioco. Speriamo di ripartire con lo stesso piede con il quale abbiamo finito. In questi giorni stiamo lavorando con i giocatori che sono rimasti. Quando si allena una grande squadra si sa che molti giocatori possono andare con le loro nazionali ma questo è anche un motivo d’orgoglio". La sosta per le Nazionali incombe sul derby capitolino: "Avremo poco tempo per preparare il derby, così come le altre squadre del nostro livello". Lui l'atmosfera del derby la conosce molto bene: "Cosa rappresenta il derby per Roma? Lo ricordo con un aneddoto che ho vissuto personalmente. La prima volta che giocavo un derby, siamo andati tutti sotto la curva prima della gara. A me non sono mai tremate le gambe prima di un match ma quella volta sì, è stata un’emozione unica: non è mai stata una partita uguale alle altre. Sarà una sfida d’alta classifica e voglio fare i complimenti a Inzaghi che sta facendo un ottimo lavoro. Ha grandi capacità di mantenere unito il gruppo in un ambiente non facile".

Di Francesco ha parlato anche di Italia-Svezia, sfida decisiva da dentro o fuori per il Mondiale: "L’importante è vincere, dobbiamo portare a casa questa qualificazione perché è troppo importante per l’Italia e per tutto il sistema calcistico. In Svezia magari ci si aspettava una partita diversa anche se sappiamo che da quelle parti si gioca con grande fisicità. Noi non ci siamo espressi al meglio ma sono convinto che possiamo rifarci". Il tecnico è ottimista: "La Nazionale in queste partite ha sempre tirato fuori quel qualcosa in più per potersi qualificare. Ricordo che nel 1982 nel girone eliminatorio abbiamo avuto grandissime difficoltà, nessuno avrebbe mai pensato che l’Italia avrebbe potuto vincere quel mondiale e invece è andata così". 

TAGS:
Calcio
Serie A
Roma
Di Francesco

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X