Parma, festa per la promozione in Serie A

Lucarelli strappalacrime, si ritira: "Tifosi, statemi vicino"

Notte da ricordare al Tardini per il Parma. I gialloblù si sono ritrovati con i tifosi allo stadio per festeggiare la promozione in Serie A, la terza consecutiva dopo il fallimento: "Come noi nessuno mAi", lo slogan. I ducali hanno anche pianto per l'addio al calcio di capitan Alessandro Lucarelli. Il difensore, con un discorso molto simile a quello di Totti lo scorso anno, ha annunciato il suo ritiro: "Tifosi, statemi vicino: ora ho bisogno di voi". Bel gesto anche della società che ha deciso di ritirare la sua maglia numero 6.

IL DISCORSO DI LUCARELLI

Al centro del campo Alessandro Lucarelli con il microfono in mano ha parlato ai tifosi. Momenti di grande commozione: "Ho preso in mano molte volte un microfono, l'ho fatto anche in un'aula di tribunale, ma questo campo è il posto migliore per farlo.Prima di cominciare, dico grazie. Ai compagni, che ci sono stati quando contava. È bello vedervi tutti qui, perché abbiamo messo questa maglia davanti a tutti e tutto. Grazie anche alla società, che ci ha supportato come se fossimo stati in A anche quando giocavamo in D. Grazie ai tifosi, che invece da A sono sempre stati. Un grazie, soprattutto, a mia moglie Cristiana, ai miei figli. Sempre al mio fianco, mi hanno sopportato e supportato quando non giocavo e, credetemi, non è stato facile. Il monumento andrebbe fatto a loro, non a me. Mi avete conosciuto come calciatore dopo aver fatto lo stesso come uomo. Abbiamo vissuto momenti difficili e ci siamo sempre rialzati. Per voi sono diventato un amico, un simbolo della rinascita, un capitano. La mia vita da calciatore qui a Parma si può dividere in due fasi. Nella prima ho giocato in A e in Europa. Nella seconda, con tutto quello che è successo, ho ricominciato da zero. Per voi da Lucarelli sono diventato Ale.Nella sofferenza siamo diventati una cosa sola, io sono diventato vostro, voi miei. Abbiamo vissuto insieme tanti momenti difficili ma ci siamo sempre rialzati, perchè fa parte del nostro dna. Nei playoff dello scorso anno mi sono rotto le costole ma nessuno ha potuto fermarmi. Quest'anno il menisco ma dopo 23 giorni ero a combattere con i miei compagni, al loro fianco. Dopo il fallimento sono morto con il Parma e con il Parma sono rinato. Siamo sempre tornati vincitori, grazie alla nostra forza, al gruppo. Il boato di quel venerdì sera non lo dimenticherò mai, in quel momento eravamo una cosa sola. Non potevo desiderare niente di meglio per dirvi una cosa: dopo la promozione ho pensato a lungo se continuare o meno, ho dato tutto me stesso per dieci anni, a volte anche di più. Ora che siamo in A il mio obiettivo e il vostro lo abbiamo raggiunto. Giocheremo in stadi che hanno fatto la storia, ma questa l'ho già scritta con voi e non ho bisogno di rigiocarci. La promessa che vi avevo tre anni fa l'ho mantenuta. Adesso ho paura di non essere più un grado di essere un punto di riferimento per i compagni. Adesso non ne ho più la certezza. A Spezia, dopo il fischio finale, sono corso sotto di voi. Adesso correte qui e abbracciatemi in questa nuova vita - dice fra le lacrime - quella di Spezia deve essere l' ultima immagine da calciatore, non c'è momento che mi renda più orgoglioso. Continuerò a far parte del Parma, vediamo in che vesti. Sono orgoglioso di aver fatto parte di questa storia, di essere stato uno di voi, il vostro Capitano. Grazie!".

TAGS:
Parma
Lucarelli
Capitano

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X