TGCOM24
LE NEWS IN TEMPO REALE 24 ORE SU 24. VIDEO, CRONACA, TELEVISIONE, SPORT, MOTORI, VIAGGI
logo

SportMediaset

Donnarumma-Raiola-Milan: cinque aspetti ancora da chiarire nella vicenda

"Chi ha deciso?", "5 milioni sono una minaccia?": i punti oscuri del mancato rinnovo

Donnarumma-Raiola-Milan: cinque aspetti ancora da chiarire nella vicenda

Mentre Donnarumma raccoglieva i dollari falsi lanciatigli dagli spalti dello stadio polacco dove stava giocando l'Under 21, si scatenavano le parole e le interviste: quelle di Raiola, Fassone, Mirabelli. Ognuno ha detto la sua. Il procuratore ha detto che Gigio "non ha rinnovato perché minacciato", l'ad rossonero che "se dovesse ripensarci verrebbe riaccolto", il direttore sportivo che "sulla eventuale tribuna deciderà Montella". Ma ci sono delle questioni che Mino Raiola non ha chiarito nella sua intervista-verità sulla faccenda Donnarumma. Almeno cinque punti che andrebbero ulteriormente approfonditi per avere un quadro completo della vicenda.

I CINQUE ASPETTI CHE DOVREBBERO ESSERE CHIARITI ULTERIORMENTE

1- Se Donnarumma voleva restare e non era una questione di soldi, perché serviva altro tempo per decidere?

2- Chi ha preso la decisione finale di non rinnovare?

3- Quanto dovrebbe guadagnare secondo Raiola Donnarumma?

4- Davvero una proposta come 5 milioni l'anno, la fascia di capitano e un progetto incentrato su di lui può essere considerata una minaccia da parte del Milan?

5- Raiola si fida della nuova proprietà del Milan?

TAGS:
Raiola
Donnarumma
Milan

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X