Serie A, Lazio a valanga: 5-2 alla Spal, Immobile ne fa quattro

Partita ricchissima di emozioni: straordinario gol di Luis Alberto in apertura di match

di LUCIANO CREMONA

Serie A, Lazio a valanga: 5-2 alla Spal, Immobile ne fa quattro

Una Lazio scatenata e trascinata da Immobile, autore di quattro gol, travolge la Spal a Ferrara vincendo 5-2. Match aperto dal bellissimo gol di Luis Alberto, raddrizzato dal rigore di Antenucci. Poi l'Immobile show: tra il primo e secondo tempo batte quattro volte Gomis. In mezzo il provvisorio 2-3 sempre di Antenucci. Con questo successo la Lazio, con una partita da recuperare, sale a 40 punti a meno 2 dall'Inter. La Spal resta a 15 col Crotone.

ZoomDisattiva slideshow
Foto 1

Lapresse

Foto 2

Lapresse

Foto 3

Lapresse

Foto 4

Lapresse

Foto 5

Lapresse

Foto 6

Lapresse

Foto 7

Lapresse

Foto 8

Lapresse

Foto 9

Lapresse

Foto 10

Lapresse

Foto 11

Lapresse

Foto 12

Lapresse

Foto 13

Lapresse

Foto 14

Lapresse

Foto 15

Lapresse

Foto 16

Lapresse

Foto 17

Lapresse

Foto 18

Lapresse

Foto 19

Lapresse

Foto 20

Lapresse

Foto 21

Lapresse

Foto 22

Lapresse

Foto 23

Lapresse

Foto 24

Lapresse

Foto 25

Lapresse

Foto 26

Lapresse

Foto 27

Lapresse

Foto 28

Lapresse

LA PARTITA

Un primo tempo schizofrenico, entusiasmante per gli spettatori neutri, da batticuore per i tifosi interessati, da incubo per gli allenatori. Sei gol in quaranta minuti con un mix di giocate da urlo e incredibili sfondoni difensivi. Una ripresa altrettanto altalenante, con meno squilli ma con occasioni in entrambe le aree di rigore. Anche sul 2-5 c'era l'impressione che, da un momento all'altro, potesse accadere qualcosa.

La Befana porta in dono un carico di carbone strameritato per le difese di Spal e Lazio e una quantità di dolci extra soprattutto per Ciro Immobile, autore del suo primo poker in carriera. Quattro gol in una sola partita, proprio come fece il suo allenatore Simone Inzaghi il 14 settembre 2000, in Champions, in Lazio-Marsiglia. Il balzo in testa alla classifica dei marcatori è cosa fatta: 20 reti in Serie A, staccato Icardi. Una marcia ripresa dopo qualche battuta d'arresto. Ma, soprattutto, riavviata delle illuminazioni di Luis Alberto e Milinkovic-Savic. Ecco, tra i due, il serbo ha dimostrato un po' di sufficienza e incostanza, fino alla sostituzione.

Lo spagnolo, invece, ha letteralmente incantato. Lo ha fatto con un gol che non si vede spesso nelle categorie alte, quasi da futsal: stop con dribbling a seguire, doppia "rullata" di suola con i difensori che sono andati per terra come birilli e destro piazzato. Applausi, come applausi per l'assist dell'1-2, d'esterno destro, di prima.

Impossibile non celebrare Immobile, capace di trascinare la Lazio fino a far diventare la squadra di Inzaghi il miglior attacco del campionato (48 gol). L'attaccante biancoceleste è andato in gol in tutte le maniere: di destro (due), di sinistro e di testa. Una completezza e una fame di gol che si sposa alla perfezione con la capacità di Luis Alberto e di Milinkovic di metterlo in moto.

Tra le pieghe profonde di questa partita ricchissima di gol, occasioni, giocate, ci sono però i tantissimi demeriti delle due squadre in fase difensiva. Terribile la prova di Wallace, nella Lazio: rigore dell'1-1 provocato e regalo del 2-3 ad Antenucci, respingendo di testa centralmente un cross innocuo. Inzaghi si è sbracciato per tutto il match perché anche nella ripresa i biancocelesti hanno rischiato di continuo di subire la terza rete: solo il palo sulla punizione di Viviani e un guizzo di Strakosha hanno evitato che il match si riaprisse, incredibilmente.

Ecco: se da un lato la Lazio ha dato una dimostrazione di quasi onnipotenza offensiva, sospinta anche da un devastante Lukaku sulla sinistra (sarà difficile tenerlo fuori, se è questa la sua condizione fisica), ecco che la coperta è parsa oltremodo corta: tutto il bello in fase di rifinitura ha lasciato delle magagne importanti in fase di copertura. La difesa è parsa senza certezze e forse le voci sul mancato rinnovo di De Vrij hanno lasciato qualche ruggine. Un fattore da aggiustare, perché la Spal, che si è proposta in avanti con coraggio e anche qualità, si è resa pericolosa in più di una circostanza. La squadra di Semplici, però, ha pagato una fragilità difensiva davvero imbarazzante.

Con questo successo Inzaghi ha messo nel mirino l'Inter e il quarto posto: Lazio a 40, con l'Inter a 42. La Spal resta a quota 15, terzultima con il Crotone, sconfitto a San Siro dal Milan.

LE PAGELLE

Gomis 5 - Come i gol presi. Forse non poteva fare di più, ma si arrende.
Lazzari 6 - Dalla sua parte Lukaku è un trattore e in più di un'occasione si fa prendere alle spalle. Ma quanto è bravo e veloce quando ribalta l'azione e si butta sulla fascia? Da un suo cross nasce il 2-3.
Antenucci 6,5 - Glaciale dal dischetto, centravanti di razza quando raccoglie la respinta di Wallace e infila di precisione Strakosha.

Wallace 4,5 - Rigore procurato e "assist" per Antenucci. Semplicemente disastroso.
Luis Alberto 8 - Ah, come gioca Luis Alberto. Sublime, da spellarsi le mani. Il gol è un pezzo di bravura e tecnica assoluta, l'assist di prima per Immobile, pure. Wow.
Immobile 9 - Quando il tuo centravanti fa gol di destro, di sinistro, di testa e alla fine della partita ne ha messi quattro, cosa gli puoi dire?

TABELLINO

SPAL-LAZIO 2-5

SPAL (3-5-2): Gomis 5; Salamon 4,5 (1' st Rizzo 6), Vicari 5, Felipe 5; Lazzari 6, Schiattarella 6,5, Viviani 5,5 (28' st F. Costa sv), Grassi 5,5, Mattiello 5,5 (38' st Bonazzoli sv); Paloschi 5,5, Antenucci 6,5.
A disp. Marchegiani, Meret, Cremonesi, Della Giovanna, Oikonomou, Bellemo, Schiavon, Vitale, Floccari.
All. Leonardo Semplici 6

LAZIO (3-5-2): Strakosha 6,5; Wallace 4,5, de Vrij 6, Radu 5,5 (12' st Luiz Felipe 6); Basta 6,5, Parolo 6, Leiva 6,5, Milinkovic-Savic 6,5 (12' st Felipe Anderson 6), Lukaku 7; Luis Alberto 8, Immobile 9.
A disp. Guerrieri, Vargic, Bastos, Patric, Lulic, Murgia, Miceli, Nani, Neto.
All. Simone Inzaghi 7

Arbitro: Tagliavento

Marcatori: 5' Luis Alberto (L), 8' su rig e 30' Antenucci (S), 19', 26', 41' e 5' st Immobile (L)
Ammoniti: Mattiello (S), Radu (L), Luiz Felipe (L), Vicari (S)

LE STATISTICHE

  • La Lazio ha segnato 5 o + gol nello stesso match in questo campionato per la terza volta. Nessun'altra formazione c'é riuscita piu di una volta.
  • Escludendo il derby di Roma, la Lazio non ha mai perso in trasferta in questo campionato: 26 punti conquistati dalla squadra di Inzaghi fuori casa, meno solo del Napoli (28) in questa speciale classifica.
  • Prima di Immobile, l'ultimo giocatore della Lazio a segnare almeno 20 gol in due campionati di A consecutivi fu Giuseppe Signori (1992/93 e 1993/94).
  • Primo poker in Serie A per Immobile. L'ultimo giocatore a segnare un poker in Serie A fu Parolo in Pescara-Lazio a febbraio.
  • Immobile ha partecipato a 53 gol (43 reti, 10 assist) in 54 partite di Serie A giocate con la Lazio.
  • 13 gol in trasferta in questo campionato per Immobile, primato in questa Serie A.
  • Immobile é il primo giocatore a fare tripletta nel primo tempo in un match di A da Keita vs Palermo ad aprile (era proprio un giocatore della Lazio).
  • Record di gol (5) nella prima mezz'ora in un match di questo campionato.
  • Prima doppietta in A per Antenucci, sesta marcatura multipla per Immobile in questo campionato (record pari a Icardi).
  • Luis Alberto ha partecipato attivamente a 13 gol in questo campionato (6 gol, 7 assist): nessun centrocampista ha partecipato a piú reti finora (pareggiato Perisic).
  • Era dal 1962 contro l'Atalanta che la SPAL non subiva almeno 5 gol in un match di Serie A.

TAGS:
Lazio
Spal
Serie a

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X