Lazio, le donne replicano agli ultrà: "La Curva Nord è anche nostra"

Immediata reazione dopo il "divieto" di sedersi nelle prime dieci file della Curva Nord

Lazio, le donne replicano agli ultrà: "La Curva Nord è anche nostra"

Non si è fatta attendere la replica delle donne per il volantino che chiedeva a mogli e fidanzate di non sedersi nelle prime dieci file della Curva Nord dell'Olimpico. "Siamo un gruppo di Donne cresciute in curva - recita un comunicato di un gruppo di ragazze che desidera restare anonimo - che vedono la curva come un ruolo sacro e che rispettano quel codice non scritto, ma siamo rimaste indignate nel leggere quelle undici righe nero su bianco e fatte girare di mano in mano prima della partita".

"Anche noi prendiamo le distanze da quei laziali che non danno il giusto valore alla Nord con comportamenti poco adeguati, come prendiamo le distanze da quei laziali che con gesti e proale non si ricordano che sono stati messi al mondo da una Donna" hanno aggiunto.

La Lazio, invece, ha evidenziato come la società sia "sempre contro ogni forma di discriminazione" mentre la Digos ha unviato un'informativa alla Procura.

SUOR PAOLA: "CI ANDRO' IO"

"E assurdo dire che le donne non possono andare in Curva Nord. Nella prossima partita in curva ci andrò io, se non possono andare altre donne ci andrò io". Così suor Paola, storica tifosa della Lazio, parlando alla Tgr Rai Lazio della vicenda del volantino in cui si invitano le donne a non stare nelle prime dieci file della Curva laziale dell'Olimpico. "E' una cosa che mi trova un po' spaesata, perché non me la sarei mai aspettata da nessuno, tantomeno dai miei amici Irriducibili - ha affermato la religiosa -. Come si fa a dire dall'oggi al domani una cosa del genere? Poi vorrei ricordare che anni fa c'è stata tutta una campagna per cui si sono formati gruppi di donne tifose di tutte le squadre. Sono stata anch'io con altre persone a organizzarli. Comunque - ha concluso - è assurdo dire che le donne non possono andare in Curva Nord. Nella prossima partita in curva ci andrò io, se non possono andare altre donne".

VOLANTINO SHOCK, PRIMI IDENTIFICATI

Ci sarebbero già i primi identificati per i volantini comparsi nella curva della Lazio in occasione del match contro il Napoli allo stadio Olimpico di Roma in cui si invitavano le donne a non stare nelle prime dieci file. Gli investigatori della Digos stanno vagliando i filmati delle telecamere e in mattinata trasmetteranno un'informativa in Procura. Secondo quanto si è appreso, l'ipotesi di reato che si configurerebbe è quella di discriminazione. Nelle prossime ore potrebbero scattare le prime denunce.

TAGS:
Lazio
Donne
Stadio

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X