Serie A, Inter-Parma 0-1: Dimarco punisce Spalletti

Al Meazza decide tutto un sinistro velenoso dal limite dell'ex nerazzurro

L'Inter cade a San Siro. Nel primo anticipo della quarta giornata di Serie A, i nerazzurri perdono 1-0 con il Parma e restano inchiodati a quota quattro punti. Nel primo tempo gli uomini di Spalletti fanno il match, ma rischiano grosso su un inserimento di Gervinho, fermato da Handanovic. Nella ripresa poi l'Inter cala fisicamente, protestano per un fallo di mano in area di Dimarco e i ducali centrano il colpo grazie a un sinistro velenoso dello stesso Dimarco al 79'.

LA PARTITA

Rimandata. Anzi, bocciata. Dopo quattro giornate, l'Inter continua a non ingranare. Al momento, il bilancio nerazzurro parla di due sconfitte, un pareggio e una vittoria. Troppo poco per chi ambiva a candidarsi al ruolo di anti-Juve. Soprattutto perché la sconfitta col Parma arriva a San Siro, dove l'Inter, considerando anche il finale della scorsa stagione, non vince da quattro partite di fila. Un ruolino preoccupante, appesantito da un finale di partita segnato ancora da un vistoso calo fisico e da una prova tatticamente discutibile. Già, perché per buona parte del match l'Inter ha fatto la partita, senza però riuscire a sbloccare la gara. Colpa di un atteggiamento troppo molle sottoporta e forse anche di una certa confusione tecnica e di alcuni errori arbitrali. Discorso che di sicuro non si può applicare al Parma, che, dopo la buona prova con la Juve, esce da San Siro a testa alta e con tre punti preziosi. Il giusto risultato di una prova di carattere, giocata a denti stretti finché c'era da soffrire e poi con la giusta follia nel finale, dopo il calo nerazzurro. E a decidere il match, ironia della sorte, ci ha pensato proprio un ex nerazzurro, Dimarco. Un eurogol difficile da dimenticare e da digerire a San Siro.

Con la testa anche alla Champions, Spalletti parte con Keita, Candreva e Dalbert titolari. Scelte che cambiano faccia ai nerazzurri. Con l'ex Monaco in versione jolly offensivo, infatti, l'Inter non dà punti di riferimento in avanti, scegliendo di attaccare la profondità su più fronti. Il più in palla è Candreva, ma i nerazzurri manovrano bene anche sulla sinistra, spingendo con Perisic. In mediana Gagliardini e Brozovic si piazzano davanti alla difesa, lasciando a Nainggolan il compito di posizionarsi tra le linee. Atteggiamento che da una parte costringe il Parma a difendersi e dall'altra lascia spazio alle ripartenze di Gervinho e Di Gaudio. In controllo, i nerazzurri manovrano con ordine, aggrediscono alto e cercano Keita. I ducali invece serrano le linee e pressano i portatori per colpire in contropiede con Inglese. Dopo qualche tentativo dal limite, al quarto d'ora la palla buona per il vantaggio ce l'ha Perisic, ma il croato sbaglia mira. Poi D'Ambrosio e Skriniar non si intendono e sbagliano tutto sugli sviluppi di un corner. Con l'attacco "mobile" e tanto movimento senza palla, gli uomini di Spalletti allargano bene il campo, ma non riescono ad affondare il colpo centralmente. Da un parte Perisic e Keita testano i riflessi di Sepe, dall'altra invece Handanovic si supera su Gervinho, salvando il risultato. Il finale del primo tempo è un assalto alla porta gialloblù. Ci provano un po' tutti, ma il fortino di D'Aversa regge.

Nella ripresa Spalletti leva subito Keita e fa entrare Icardi, ma è il Parma ad andare vicino al vantaggio con Stulac, fermato da Handanovic. Nelle fila nerazzurre il più attivo è sempre Candreva, ma non basta. A ritmi blandi l'Inter tiene in mano il pallino del gioco, ma non riesce a sfondare e a far valere il divario tecnico. Con una deviazione molto sospetta sulla linea di porta, Dimarco salva tutto su un diagonale di Perisic, mandando l'Inter su tutte le furie, poi D'Ambrosio ci prova dal limite. Dopo Maurito, entra anche Politano e D'Aversa risponde coprendosi con Deiola. Con l'Inter un po' sulle gambe e le squadre lunghe, il Parma prova ad alzare il baricentro, attaccando centralmente. Nainggolan impegna Sepe dalla distanza, poi Gagliolo rischia l'autogol. Ma sono solo azioni sporadiche, più di rabbia che di testa. Il Parma, infatti, nel finale si organizza e tenta il tutto per tutto, gettando il cuore oltre l'ostacolo e credendoci fino alla fine. Atteggiamento coraggioso che al 79' si trasforma in una perla di Dimarco all'incrocio. Un eurogol che fa saltare il banco e che mette Spalletti con le spalle al muro in vista anche della Champions. Col Tottenham c'è già molto in palio.

LE PAGELLE

Handanovic 6: prova a tenere a galla l'Inter. Quando Gervinho si materializza davanti a lui, la risposta è un mix perfetto di senso della posizione e istinto. Buona parata anche su Stulac. Sul sinistro di Dimarco però si arrende
Candreva 6,5: tanta corsa e qualità. La corsia destra è il suo regno, ma spesso taglia il campo per sorprendere la difesa del Parma e mischiare le carte. Buoni inserimenti, tentativi dal limite, cross e coperture finché resta in campo
Keita 5: veste i panni del falso nove, senza dare riferimenti. Fa movimento per gli inserimenti di Perisic & Co, ma non riesce a trovare il guizzo vincente. Ha un paio di mezze-occasioni, ma le spreca calciando debolmente. La sua gara dura solo un tempo
Icardi 5: gioca 45', ma non si vede. Mai uno spunto, una giocata o un movimento interessante per favorire gli inserimenti dei compagni. Nove palloni toccati, tre passaggi su sei sbagliati. Detto tutto...
Dimarco 7: man of the match. Prima salva sulla linea un sinistro a botta sicura di Perisic (forse con un braccio), poi punisce i nerazzurri con un sinistro velenoso che beffa Handanovic. La rivincita dell'ex
Gervinho 6,5: attacca la profondità sfuttando la sua velocità e cercando di sorprendere la retroguardia nerazzurra in contropiede. Buono il feeling con Inglese. Unico neo la conclusione a tu per tu con Handanovic.
Bruno Alves 6,5: esperienza e sangue freddo. Guida con ordine la difesa, facendosi trovare sempre al posto giusto al momento giusto. Con Keita ha vita facile, ma se la cava bene anche con Icardi. Insieme a Iacoponi un baluardo sulle palle alte.

IL TABELLINO

INTER-PARMA 0-1

Inter (4-2-3-1): Handanovic 6; D'Ambrosio 5,5 (25' st Asamoah 5,5), Skriniar 6, de Vrij 5,5, Dalbert 6; Gagliardini 5,5, Brozovic 6; Perisic 6, Nainggolan 6, Candreva 6,5 (13' st Politano 5,5); Keita 5 (1' st Icardi 5).
A disp.: Padelli, Vecino, Icardi, Ranocchia, Joao Mario, B. Valero, Miranda. All.: Spalletti 5
Parma (4-3-3): Sepe 6; Iacoponi 6 (30' st Sierralta 6), Alves 6,5, Gagliolo 6,5, Gobbi 6 (1' st Dimarco 7); Barillà 5,5, Stulac 5,5, Rigoni 5; Gervinho 6,5, Inglese 6,5, Di Gaudio 5,5 (17' st Deiola 6). 
A disp.: Frattali, Bagheria, Da Cruz, Ceravolo, Ciciretti, Gazzola, Siligardi, Sprocati, Bastoni. All.: D'Aversa 6,5
Arbitro: Manganiello
Marcatori: 34' st Dimarco (P)
Ammoniti: Brozovic, D'Ambrosio (I); Stulac, Dimarco (P)
Espulsi:  -

LE STATISTICHE

- Questa è solo la seconda vittoria per il Parma in 25 sfide contro l’Inter a San Siro, dopo quella nel maggio del 1999.
- Quattro punti raccolti dall’Inter finora: questa è la peggior partenza dei nerazzurri dopo quattro partite dal 2011/12.
- Il Parma ritrova la vittoria in Serie A che mancava dall’aprile 2015 (successo sempre per 1-0 contro il Palermo).
- In particolare il Parma non vinceva una trasferta di Serie A dal settembre 2014 (3-2 contro il Chievo).
- Era dal febbraio 2012 (30 tiri vs Novara) che l’Inter non effettuava così tante conclusioni in una partita di Serie A (28) senza riuscire a segnare.
- Otto i tiri nello specchio effettuati dall’Inter (su 28 totali), uno in meno di quelli tentati in totale dal Parma.
- Per la prima volta da gennaio 2016 Mauro Icardi gioca una partita di Serie A subentrando dalla panchina.
- Era dalla sua prima stagione in Serie A (2012/13 con la Sampdoria) che Icardi non restava senza gol in tutte le prime tre presenze stagionali di campionato.
- Matteo Politano ha giocato oggi la sua 100a partita in Serie A.
- Primo gol in Serie A di Federico Dimarco, alla sua 15a presenza nella competizione (la seconda con la maglia del Parma).

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X