Serie A, Inter-Napoli 0-0: i partenopei perdono la testa della classifica

A San Siro gara intensa ed equilibrata ma senza reti: i nerazzurri restano quinti, Sarri finisce a -1 dalla Juve

di GIULIA BASSI

Nel posticipo della 28a giornata di Serie A, a San Siro finisce 0-0 la super sfida tra Inter e Napoli. Un pareggio che serve poco alla classifica delle due squadre con i nerazzurri che restano quinti (con il derby da recuperare) e i partenopei che dicono addio al primo posto finendo a -1 dalla Juve nuova capolista (che ha una gara in meno). Di Skriniar (palo di testa) e Insigne (pallonetto alto) le occasioni più pericolose.

LA PARTITA

Come all'andata: uno 0-0 che, però, questa volta ha significati diversi. Il Napoli non riparte dopo lo scivolone casalingo con la Roma e perde la testa della classifica. Ora il campionato è tutto nelle mani della Juve che ha un punto di vantaggio e la possibilità di allungare con il recupero del match contro l'Atalanta. L'Inter fallisce il sorpasso alla Lazio, vede scappare la Roma e avvicinarsi il Milan. Ma i segnali più incoraggianti li hanno dati i nerazzurri, che hanno messo in campo una prestazione positiva fatta di pressing, attenzione difensiva, giocate nello spazio: cose che Spalletti non riusciva da tempo a esaltare. Imbrigliata la miglior squadra del campionato (in quanto a gioco e palleggio) con Handanovic (così come Reina) praticamente spettatore. Uno 0-0 che rischia di pesare come un macigno sul morale oltre che sulla classifica di un Napoli apparso un po' appannato e meno spietato e brillante del solito e che al contempo, può ridare vigore a una delle migliori Inter degli ultimi tre mesi. I 18 punti di differenza in classifica non si sono praticamente visti, Sarri porta a 27 la striscia di gare esterne consecutive senza sconfitte ma lascia pericolosamente la Juve padrona del proprio destino. E forse a far perdere brillantezza ai suoi è stata, appunto, la paura, l'obbligo di dover vincere a tutti i costi. La pressione, quella che rende i bianconeri dei cannibali, mai sazi e mai appagati.

Una battaglia che valeva molto per rimanere in linea con l'obiettivo stagionale da un lato, continuare ad alimentare il sogno di una squadra e di un popolo dall'altra. Incrocio delicato, insidioso e decisivo. Che entrambe provano a giocare cercando la qualità e l'attenzione. Spalletti stupisce con Brozovic in mediana al fianco di Gagliardini ed è una diga, quella innalzata dal tecnico di Certaldo, che funziona con il croato vicino ad Allan e l'ex atalantino, in versione recuperatore di palloni, sulle tracce di Hamsik. Il "cervello" del Napoli, Jorginho, è osservato da vicino da Rafinha, l'altra novità nerazzurra, titolare del ruolo di trequartista. E l'Inter tatticamente risulta messa bene: riesce per tutto il primo tempo a rendere innocua la fitta ragnatela di passaggi dei "sarriani" portando quel pressing alto che non si vedeva da tempo. Candreva cerca spesso di accentrarsi sia per trovare la giusta linea di passaggio sia per concedere l'avanzata a Cancelo: e a destra i nerazzurri costruiscono buone iniziative, cosa che invece non si vede a sinistra dove D'Ambrosio è più timido e Perisic risulta anello debole e poco reattivo. Le occasioni, va detto, latitano per 45 minuti. In senso letterale: un paio di tiri di Insigne e Hamsik, un sinistro a giro di Candreva finito a lato. Eppure entrambe provano a sviluppare calcio, a giocare sempre la palla senza mai buttarla via ma entrambe non concedono un centimetro all'avversario e l'arma dell'Inter, la ripartenza nello spazio, risulta spuntata per qualche puntuale errore tecnico negli ultimi 20 metri. In fase di non possesso i nerazzurri si mettono con un 4-4-2 che offre compattezza e sicurezza: agli uomini di Sarri non riesce l'imbucata e anche il fraseggio stretto è messo a dura a prova. 

Il problema dell'Inter resta trovare la pericolosità e l'incisività offensiva; quello del Napoli scrollarsi di dosso il pensiero della vittoria obbligata in un momento decisivo, o quasi, della stagione. E' ancora Spalletti che prova a mischiare le carte iniziando la ripresa invertendo i terzini per dare, con Cancelo, più spinta al lato sinistro. Poi passando a un 4-4-2 (o 3-5-2 a seconda delle sgroppate del portoghese) con Eder che sostituisce Rafinha. Il Napoli non rinuncia a salire e manovrare lentamente con la sua qualità (Insigne pericolosissimo con un pallonetto in area) mentre l'Inter prova a prendersi il campo in velocità. Il dispendio di energie porta entrambe a commettere diversi errori e a perdere palloni potenzialmente letali ma le squadre sembrano sulle gambe quando è il momento di trovare il guizzo decisivo. La tecnica e la velocità dei tre tenori napoletani sbatte contro il muro Miranda-Skriniar con i nerazzurri costretti ad abbassarsi (e tornati al modulo di riferimento con l'ingresso di Borja Valero). Karamoh e Milik sono le mosse della disperazione di due allenatori che fino all'ultimo provano a vincerla. Ma che però non riescono a incidere. Resto lo 0-0, qualche rammarico in più per il Napoli e per il suo sogno, la consapevolezza di essersi forse ritrovata per l'Inter. Che, a conti fatti, è quella che va a casa più contenta. 

LE PAGELLE

Skriniar 7,5 - Autentico muro: ferma Insigne con una sicurezza incredibile allargando la gamba con tranquillità olimpica. Centra il palo di testa creando l'occasione più pericolosa del match

Brozovic 7 - Convince nel ruolo di mediano: prezioso in chiusura e bei lanci e cambi di gioco per provare a far ripartire l'azione. una delle note più positive per Spalletti

Gagliardini 6,5 - Recupera una gran quantità di palloni, ci mette il fisico e a volte anche una certa aggressività nei contrasti

Perisic 5 - Un paio di rientri preziosi ma sulal sua corsia sembra non avere gamba nè il tocco giusto. Qualche movimento in più nella ripresa ma resta lontanissimo dalla sua miglior condizione

Koulibaly 7 - Colosso nel cuore della difesa. Qualche minima sbavatura a cui rimedia sempre ed è sempre ben posizionato

Insigne 6 - Il più pericoloso dei suoi davanti con un paio di conclusioni da fuori e un pallonetto alto sopra la traversa. Ma trova davanti un muro e non riesce ad essere pericoloso come sa

Hamsik 5 - Tenuto a bada da un buon Gagliardini, non trova mai spazi e spunti

IL TABELLINO

INTER-NAPOLI 0-0
Inter (4-2-3-1): Handanovic 6; Cancelo 6,5, Skriniar 7, Miranda 6,5, D'Ambrosio 6; Brozovic 7, Gagliardini 6,5; Candreva 6,5 (33' st Borja Valero 6), Rafinha 5,5 (19' st Eder 5,5), Perisic 5 (40' st Karamoh sv); Icardi 5,5. A disp.: Padelli, Berni, Lisandro Lopez, Santon, Dalbert, Ranocchia, Vecino. All.: Spalletti 6,5
Napoli (4-3-3): Reina 6; Hysaj 6, Albiol 6,5, Koulibaly 7, Mario Rui 6; Allan 6 (44' st Rog), Jorginho 6, Hamsik 5 (25' st Zielinski 6); Callejon 5,5, Mertens 6 (41' st Milik sv), Insigne 6. A disp.:  Rafael, Sepe, Maggio, Tonelli, Milic, Diawara, Ounas, Machach. All.: Sarri 6
Arbitro: Orsato 
Marcatori:
Ammoniti: Allan (N), Gagliardini (I), Insigne (N)

LE STATISTICHE

L’Inter ha vinto solo una delle ultime 11 partite di Serie A contro il Napoli (5N, 5P), nessuna delle ultime quattro.
In particolare l’Inter non è riuscita a segnare nelle ultime quattro sfide di campionato contro il Napoli (ultima rete nell’aprile 2014).
Il Napoli ha eguagliato il suo record di clean sheets consecutivi in trasferta in Serie A (cinque).
Solo in una delle precedenti 28 occasioni (0-0 vs Chievo) il Napoli non era riuscito a segnare in trasferta in Serie A.
Con quello di oggi sono ora 16 i legni colpiti dall'Inter in campionato, almeno due più di ogni altra squadra.
Record negativo di possesso palla dell’Inter in Serie A (34.6%) da settembre 2015.
Solo Insigne (cinque) ha colpito più legni di Milan Skriniar (quattro) in questa Serie A.
Kalidou Koulibaly ha registrato il suo record di palloni giocati (158), passaggi tentati (148) e passaggi riusciti (140) in una partita di Serie A.
Record negativo di tiri tentati dall’Inter (tre) in una partita di Serie A da quando Opta raccoglie questo tipo di dati (2004/05).

TAGS:
Calcio
Serie A
28a giornata
Inter
Napoli

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X