City e United, spese folli: 1,8 mld di euro in cinque anni

Le due squadre di Manchester in cima alla top ten, ma i risultati in Champions non sono all'altezza

Un miliardo e 800 milioni di spese folli per arrivare al massimo in semifinale o ai quarti di Champions League. E' questo l'amaro bilancio dal 2013 a oggi delle due squadre di Manchester stilato da "As", che ha pubblicato una singolare classifica dei dieci club che hanno investito di più sul mercato negli ultimi cinque anni. Nella lista al primo posto c'è il City, seguito dallo United e dal Barcellona. Due invece i club italiani nell'elenco: la Juve al quarto posto e l'Inter al decimo.

City e United, spese folli: 1,8 mld di euro in cinque anni

Numeri alla mano, la classifica di As fa riflettere sulla reale corrispondenza tra spese e risultati. Soprattutto per quanto riguarda la Champions League. Dal 2013 il City ha investito sul mercato un miliardo e 14 milioni, arrivando al massimo in semifinale. L'acquisto più caro (76 mln) è stato quello di De Bruyne, seguito da Mahrez (67,8), Laporte (65), Sterling (63,7), Mendy (57,5), Stones (55,6), Walker (52,7), Sané (50,5), Bernardo Silva (50) e Otamendi (44,6). Tanti colpi tutti intorno ai 50 milioni di euro. Discorso simile per lo United, che negli ultimi cinque anni ha investito 860 milioni, raggiungendo solo i quarti di finale di Champions. Il giocatore più caro comprato dai Red Devils è stato Pogba (105 mln), seguito da Lukaku (84,7), Di Maria (75), Martial (60), Fred (59), Mata (44,73), Matic (44,7), Mkhitaryan (42), Bailly (38) e Shaw (37,5 mln). Un lungo elenco di giocatori pagati a peso d'oro e che non sono riusciti a far fare il grande salto di qualità ai due club in Europa.

TAGS:
United
City
Spese
Acquisti

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X