SportMediaset

Serie A, dodicesima vittoria di fila per la Juventus: poker al Chievo

Allegri continua la marcia grazie alle reti di Morata (doppietta), Alex Sandro e Pogba

di STEFANO FIORE

La Juventus è inarrestabile, contro il Chievo arriva la dodicesima vittoria di fila in campionato: doppietta di Morata e reti di Alex Sandro (che colpisce pure una traversa) e Pogba nel 4-0 di Verona. Grande partita dei bianconeri davanti a un Chievo arrendevole, Allegri si gode il definitivo rientro di Morata (in gol al 6' e al 40'), Pogba ed Alex Sandro ad alti livelli e l'ennesima grande prestazione di Dybala.

ZoomDisattiva slideshow
Foto 1

© LaPresse

Foto 2

© LaPresse

Foto 3

© LaPresse

Foto 4

© LaPresse

Foto 5

© LaPresse

Foto 6

© LaPresse

Foto 7

© LaPresse

Foto 8

© LaPresse

Foto 9

© LaPresse

Foto 10

© LaPresse

Foto 11

© LaPresse

Foto 12

© LaPresse

Foto 13

© LaPresse

Foto 14

© LaPresse

Foto 15

© LaPresse

Foto 16

© LaPresse

Foto 17

© LaPresse

Foto 18

© LaPresse

Foto 19

© LaPresse

Foto 20

© LaPresse

Foto 21

© LaPresse

Foto 22

© LaPresse

Foto 23

© LaPresse

Foto 24

© LaPresse

Foto 25

© LaPresse

Foto 26

© LaPresse

Foto 27

© LaPresse

Foto 28

© LaPresse

Foto 29

© LaPresse

Foto 30

© LaPresse

Foto 31

© LaPresse

Foto 32

© LaPresse

Foto 33

© LaPresse

Foto 34

© LaPresse

Foto 35

© LaPresse

Foto 36

© LaPresse

Foto 37

© LaPresse

Foto 38

© LaPresse

Foto 39

© LaPresse

Foto 40

© LaPresse

Foto 41

© LaPresse

Foto 42

© LaPresse

Foto 43

© LaPresse

Foto 44

© LaPresse

Foto 45

© LaPresse

Foto 46

© LaPresse

LA PARTITA

La corsa della Juventus non si ferma, il treno bianconero è più lanciato che mai. Pur senza Chiellini (a riposo, come accadrà ad altri in questo periodo denso di partite), Evra e Mandzukic, la squadra di Allegri gioca a memoria. Il segreto delle 12 vittorie consecutive è nel ritorno al 3-5-2 dove i giocatori si trovano a memoria, a prescindere da chi è in campo. Certo, quando hai un Dybala monstre a tuttocampo, un Pogba a tratti imprendibile e pure un Morata di nuovo protagonista, tutto diventa più facile. Anche perché il Chievo, con molti indisponibili e con l'uomo migliore - Paloschi - volato in Galles, non ha opposto una gran resistenza. Rimane un ultimo quesito: potrà la Juve tenere questi ritmi fino al termine della stagione, considerando il ritorno della Champions? Fondamentale sarà recuperare Asamoah e Pereyra per dare un po' di fiato alla mediana.

Pronti, via e la Juve è già in vantaggio. Il buon approccio alla partita dei bianconeri si traduce nel cross di Lichtsteiner che sorprende Bizzarri e la linea difensiva veronese lasciando Morata libero di fare tap-in. Una liberazione per lo spagnolo, in gol in serie A dopo 14 partite, e una conferma in più dello straordinario momento di forma della banda Allegri. Con Birsa che parte largo e dà libertà di impostazione a Bonucci, il centrocampo bianconero manovra a piacimento i momenti del match con il trio Pogba-Dybala-Morata che alterna giocate di alto livello a qualche sbavatura per eccesso di confidenza. Il francese ci prova più volte da lontano (bello il tiro di controbalzo da 25 metri che sfiora il palo) ma trova sempre pronto Bizzarri, che stoppa anche un paio di tentativi di Dybala. Maran capisce l'aria che tira e ritorna al 4-3-1-2, il Chievo inizia a carburare, Rigoni arriva anche al tiro. E' giusto una sensazione, un attimo. Perché la Juve sa che è di nuovo tempo di accelerare e allestisce il replay dell'1-0. Questa volta l'azione si sviluppa sulla fascia sinistra, l'assist-man è Khedira ma lo stoccatore ancora Dybala.

Anche se l'aria è quella di "partita già finita", il Chievo si affaccia alla ripresa volenteroso. Un po' meglio i gialloblù con l'intraprendenza di M'Poku ma, come sul finale di primo tempo, la legge bianconera è spietata. Una gran palla di Dybala libera Lichtsteiner che orizzontalmente serve Alex Sandro con la gentile assistenza di Pogba: il piatto del brasiliano batte per la terza volta Bizzarri. E' il sedicesimo, sei minuti più tardi arriva anche il sigillo di Pogba che danza al limite dell'area, supera i centrali clivensi e fa poker. Cinque minuti dopo, traversa di Alex Sandro, poi Morata sfiora la tripletta ma il tiro a giro esce di poco. Nonostante i tentativi di Maran per coprire la squadra non c'è storia, la Juve prova comunque a fare il quinto gol con Bonucci. Non arriva, ma conta poco. E' il secondo 0-4 in trasferta consecutivo, il Napoli è avvisato.

LE PAGELLE

Bizzarri 5,5 Ne prende 4, ne evita altrettanti. Non irreprensibile in uscita bassa sui gol di Morata, lento a reagire sul tiro di Pogba
Dainelli 5 Non aiutato dal resto della retroguardia (perché Maran non ha inserito Spolli), non riesce a contenere gli juventini
M'Poku 5,5 Cerca di illuminare il gioco clivense, ha qualche spunto, poi naufraga pure lui
Pogba 8 Movenze divine, giocate di un altro livello, qualche leziosità di troppo ma quando gioca così è inarrivabile
Morata 7,5 Bentornato, parte seconda. Dopo la coppa Italia, segna anche in campionato (era a secco da 14 partite). Gli farà bene per il finale di stagione
Dybala 7 Regista, trequartista, seconda punta: dove lo metti, sta. E come gioca! Peccato per gli errori di mira

IL TABELLINO

CHIEVO-JUVENTUS 0-4
Chievo (4-3-1-2): Bizzarri 5,5; Frey 5, Sardo 5,5, Dainelli 5, Cacciatore 5,5; Rigoni 6, Castro 5, Radovanovic 5,5 (18' st Pinzi 5); Birsa 5 (23' st Pellissier 5,5); Inglese 5, Mpoku 5,5 (28' st Gobbi 6). A disp.: Seculin, Bressan, Spolli, Costa, Damian, Depaoli. All.: Maran 5
Juventus (3-5-2): Buffon 6; Barzagli 6,5, Bonucci 6, Caceres 6; Lichtsteiner 6,5 (36' st Padoin sv), Khedira 6 (1' st Sturaro 6), Marchisio 6 (24' st Hernanes 6), Pogba 8, Alex Sandro 7; Morata 7,5, Dybala 7. A disp.: Neto, Rugani, Chiellini, Pereyra, Favilli, Cuadrado, Zaza. All.: Allegri 7
Arbitro: Doveri
Marcatori: 6' e 40' Morata, 16' st Alex Sandro, 22' st Pogba
Ammoniti: Radovanovic, Sardo e Pinzi (C), Alex Sandro e Hernanes (J)
Espulsi: -

TAGS:
Calcio
Serie A
23.ma giornata
Chievo
Juventus

Argomenti Correlati

VOTATE

La Juve batterà il record dell'Inter di 17 vittorie di fila?