TGCOM24
LE NEWS IN TEMPO REALE 24 ORE SU 24. VIDEO, CRONACA, TELEVISIONE, SPORT, MOTORI, VIAGGI
logo

Mediaset Premium

Ex senatore Razzi: "Giochiamo una finale di Champions parallela Roma-Bayern"

"Da giocare a Pyongyang, Kim ne sarebbe entusiasta. Giallorossi e Bayern derubati in semifinale"

Ex senatore Razzi: "Giochiamo una finale di Champions parallela Roma-Bayern"

Una finale di Champions League parallela, da disputarsi in Corea del Nord tra Roma e Bayern, le "vittime" degli arbitraggi nelle semifinali. E' l'idea dell'ex senatore Razzi: "La Roma è stata derubata e una finale contro il Bayern a Pyongyang nello stadio più grande del mondo sarebbe fantastico. L'idea sarà apprezzata da Kim e da tutto il mondo, bisogna avere il pugno duro e dire basta alle ingiustizie. Lo sport porta pace".

Una provocazione che farà discutere ma che riapre, a distanza di una settimana, le polemiche dopo le semifinali di Champions che hanno promosso Liverpool e Real Madrid contro Roma e Bayern Monaco con diversi episodi arbitrali controversi. "La Roma è stata derubata, così come la Juventus a Madrid e a Torino - ha commentato l'ex senatore Antonio Razzi, prima di lanciare l'idea a Radio Cusano Campus -. E' ora di dire basta, organizziamo una finale di Champions parallela tra Roma e Bayern da giocare a Pyongyang nello stadio più grande del mondo".

L'ex senatore è sempre stato famoso per i rapporti con la Corea del Nord e la sbandierata amicizia con Kim Jong-Un: "L'idea sarà apprezzata da Kim e da tutto il mondo. Bisogna avere il pugno duro e dire basta a certe ingiustizie, vogliamo il Var anche in Champions. Andiamo a fare una finale in Corea del Nord e facciamo vedere che tutto il mondo vuole la pace". 

TAGS:
Roma
Bayern monaco
Razzi
Champions league

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X