Argentina, Zarate shock: molla il Velez per andare al Boca, è bufera

Improvvisa decisione dell'attaccante, che si accorda con gli Xeneizes e scatena la rabbia dei tifosi e del fratello: "Ha distrutto una famiglia intera, per noi non esiste più". Bruciate le sue maglie, lui si scusa su Instagram

foto velezsarsfield.com.ar

In Argentina ha scatenato un putiferio l'improvvisa scelta di Mauro Zarate di lasciare il Velez per trasferirsi al Boca Juniors. Il trasferimento dell'ex attaccante di Lazio, Inter e Fiorentina è stato letto da tutti come un tradimento, dopo che il giocatore aveva giurato fedeltà eterna al Velez. La rabbia dei tifosi si è scatenata innanzitutto sui social, mentre qualcuno ha anche allestito un falò per bruciare la maglia numero 9 indossata negli ultimi mesi da Maurito.

Zarate ha voluto scusarsi con i tifosi del Velez attraverso una lettera pubblicata su Instagram, dove ha ammesso di essersi rimangiato - per la prima volta nella vita - la parola data. Parole che non hanno però placato l'ira dei tifosi e nemmeno quella del fratello Rolando, suo ex agente che su Twitter è stato durissimo: "Mauro non è più credibile. Ha distrutto una famiglia intera, prendendo una decisione di cui nessuno era a conoscenza e che nessuno si sarebbe mai aspettato. Per tutti noi è stata come una pugnalata al cuore e non esistono scuse che tengano. Abbiamo rotto ogni rapporto e per noi semplicemente non esiste più". 

Il cartellino di Zarate era di proprietà del Watford, ma il Velez - come spiegato dallo stesso club attraverso un comunicato - aveva raggiunto un accordo definitivo con gli inglesi per l'acquisto dell'attaccante e anche tra Velez e Mauro c'era ormai l'accordo su tutto. Fino alla scelta, improvvisa, di mollare tutto e accordarsi con il Boca Juniors.

TAGS:
Calcio estro
Argentina
Velez
Boca
Zarate

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X