TGCOM24
LE NEWS IN TEMPO REALE 24 ORE SU 24. VIDEO, CRONACA, TELEVISIONE, SPORT, MOTORI, VIAGGI

SportMediaset

Uefa Nations League: Italia confermata nella Divisione A

L'Olanda scalza il Galles. Il 24 gennaio il sorteggio a Losanna, torneo al via a settembre 2018

Uefa Nations League: Italia confermata nella Divisione A

Nella giornata di mercoledì la Uefa ha ufficializzato la composizione delle 4 divisioni in cui sono state suddivise le 55 nazionali che prenderanno parte alla Nations League, il nuovo torneo che scatterà a settembre del 2018 e che mette in palio 4 posti per Euro 2020. L'Italia, come previsto, è nella divisione A con Germania, Portogallo, Belgio, Spagna, Francia, Inghilterra, Svizzera, Polonia, Islanda, Croazia e Olanda che ha scalzato il Galles.

LEGA A

Germania, Portogallo, Belgio, Spagna, Francia, Inghilterra, Svizzera, Italia, Polonia, Islanda, Croazia, Olanda.

Le squadre verranno suddivise in quattro gruppi da tre, con le vincenti dei rispettivi gironi che accederanno alla fase finale della UEFA Nations League (semifinali, finale terzo posto e finalissima primo posto) che si giocherà nel giugno 2019 per decretare la nazionale vincitrice della competizione.

La nazione ospitante della fase finale verrà scelta nel dicembre 2018 tra le quattro finaliste.

Le quattro ultime dei gironi retrocederanno nella Lega B per l'edizione del 2020.

Le prime quattro in classifica non qualificate a UEFA EURO 2020, giocheranno gli spareggi nel marzo 2020 per un posto nella fase finale del torneo continentale.

LEGA B

Austria, Galles, Russia, Slovacchia, Svezia, Ucraina, Repubblica d'Irlanda, Bosnia-Erzegovina, Irlanda del Nord, Danimarca, Repubblica Ceca, Turchia.

Le squadre verranno suddivise in quattro gruppi da tre. Le quattro vincitrici dei gironi verranno promosse nella Lega A, mentre le quattro ultime retrocederanno nella Lega C della prossima edizione della competizione che si giocherà nel 2020.

Le prime quattro in classifica non qualificate a UEFA EURO 2020, giocheranno gli spareggi nel marzo del 2020 per un posto nella fase finale.

LEGA C

Ungheria, Romania, Scozia, Slovenia, Grecia, Serbia, Albania, Norvegia, Montenegro, Israele, Bulgaria, Finlandia, Cipro, Estonia, Lituania.

Le squadre verranno suddivise in un girone da tre e tre da quattro. Le quattro vincitrici dei gironi verranno promosse in Lega B, mentre le quattro ultime retrocederanno in Lega D per l'edizione del 2020.

Le prime quattro in classifica non qualificate a UEFA EURO 2020, giocheranno gli spareggi nel marzo 2020 per un posto nella fase finale.

LEGA D

Azerbaigian, Macedonia, Bielorussia, Georgia, Armenia, Lettonia, Isole Faroe, Lussemburgo, Moldavia, Kazakistan, Liechtenstein, Malta, Andorra, Kosovo, San Marino, Gibilterra.

Le squadre verranno suddivise in quattro gruppi da quattro, con le quattro vincenti dei gironi che verranno promosse nella Lega C per l'edizione del 2020.

Le prime quattro in classifica non qualificate a UEFA EURO 2020, giocheranno gli spareggi nel marzo 2020 per un posto nella fase finale.

IL CALENDARIO

Sorteggio fase a gironi*: 24 gennaio 2018 – SwissTech Convention Centre, Losanna
Prima giornata: 6–8 settembre 2018
Seconda giornata: 9–11 settembre 2018
Terza giornata: 11–13 ottobre 2018
Quarta giornata: 14–16 ottobre 2018
Quinta giornata: 15–17 novembre 2018
Sesta giornata: 18–20 novembre 2018
Sorteggio fase finale: inizio dicembre 2018
Fase finale: 5–9 giugno 2019
Sorteggio spareggi UEFA EURO 2020: 22 novembre 2019
Spareggi UEFA EURO 2020: 26–31 marzo 2020

*Nota: Russia e Ucraina non saranno sorteggiate nello stesso girone. Lo stesso criterio sarà applicato per Armenia e Azerbaijan se al momento del sorteggio dovessero vigere le attuali decisioni del Comitato Esecutivo UEFA.

TAGS:
Nations league
Uefa
Tabelloni
Italia

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X