SportMediaset

Mihajlovic: "Io e Garcia, il duello fra due pistoleri"

Il tecnico rossonero prepara la gara più delicata e decisiva della sua stagione: "La squadra è con me, i risultati no e so bene di rischiare"

Tempo reale

Mihajlovic: "Io e Garcia, il duello fra due pistoleri"

Vigilia di Roma-Milan, e in fondo a una conferenza-stampa fiume, Mihajlovic sintetizza il senso di questa sfida: "Io e Garcia siamo come due pistoleri. C'è il duello e chi sbaglia...". Duello estremo e chi sbaglia, appunto, paga. Il tecnico rossonero: "La squadra è con me, i risultati no. E i risultati determinano umori e scelte. So bene di rischiare, ma dopo una batosta serve solo rialzarsi. Roma e Carpi decisive".

LE PAROLE A MILAN CHANNEL

I convocati: mancano Alex e Cerci
"Alex ha avuto un problema a un ginocchio, resta a Milanello per curarsi, Ci sarà mercoledì in Coppa Italia. Per Cerci, è una scelta tecnica".
Salah lo aspetta in campo dall'inizio?
"Non so, Salah o no. La Roma è forte, ha problemi un po' come noi e sarà molto difficile".
Olimpico: l'Olimpico porta bene, vittoria contro la Lazio...
"Veniamo da una domenica di delusioni, noi e la Roma. Vediamo, non ci dobbiamo arrendere, non dobbiamo pensare che il campionato sia finito e non abbassiamo la testa. La cosa peggiore è cadere. La cosa da fare è rialzarsi dopo la caduta".
Rigori non dati, errori sotto porta: lei ci pensa?
"Sì, ci penso, e credo che 4-5 punti in più li dovremmo avere. Ma vorrei anche avere tutti i giocatori a disposizione, fermo restando che creiamo tanto e realizziamo poco".
I giornali li legge?
"Non leggo, un giorno ho detto: non mandatemi le rassegne stampa che parlano male, solo quelle che parlano bene e da un mese e mezzo non arriva niente.... Bah, io so come vanno le cose e vado avanti, fino a quando sarò qui darò il massimo. Cerco di restare sereno e fiducioso".
La sconfitta col Bologna cosa lascia?
"A me lascia la grande voglia di reagire e credo anche per i miei giocatori. Ripeto: l'errore sarebbe abbattersi, e pensare che sia finita".

LA CONFERENZA STAMPA

Ed ecco Mihajlovic con Montolivo e De Jong in conferenza stampa a Milanello.
Che cosa resta da dire dopo Milan-Bologna?
Montolivo: "Che abbiamo perso e non abbiamo alibi, pur sapendo che la rigiocassimo dieci volte non perderemmo... Poi ci sono stati giudizi pesanti, ma si sa che tuto dipende dai risultati, Ora rialziamoci, come dice il mister".
De Jong: "Servono tre punti, ci interessa solo questo".
Più difficile per la Roma o per il Milan?
Mihajlovic: "Non so, è difficile per entrambe. Conosco l'ambiente romani, credo sia più difficile per loro... Ma per uscire dal momento negativo serve solo vincere e noi e la Roma ci giochiamo molto".
Perché il Milan non funziona?
Miha: "Io credo che il Milan al completo sia da Champions, da primi tre posti. Poi è vero e lo dico speso: creiamo tante palle gol, ma di gol ne facciamo pochi,m e a volte per troppa voglia di vincere prendi il gol".
Milan senza identità, questo si dice.
Miha: "Mi spiace, una identità ce l'abbiamo, la partita la facciamo noi e prima del Bologna abbiamo anche avuto una buona continuità di risultati. Ci sono squadre che subiscono tutta la partita e con un tiro poi vincono. Noi non subiamo, facciamo, creiamo. Poi quel che si dice, cosa posso farci? Roma e Carpi lo so, sono due gare fondamentali e le affronto a testa alta. Poi decidono i risultati, se resto o no dipende da questo e non decido io decide la società".
Cosa pensano i giocatori alle prese con un tecnico in bilico?
Montolivo: "Penso che bisogna lottare, giocare e vincere".
De Jong: "Allo stesso modo, contano l'allenatore, i giocatori, la società. Conta tutto e serve fare i tre punti".
Se una squadra sbaglia tanti gol, è un problema anche di paura e di insicurezza?
Miha: "Di sicuro l'atmosfera non aiuta, i ragazzi sono meno tranquilli. Ma le pressioni al Milan ci sono, ed è giusto che ci siano. So che non è facile... L'importante è creare occasioni, sfruttarle. Non parliamo di sfortuna, sappiamo cosa si deve fare e dobbiamo stare sereni".
La formazione, quali scelte?
Miha: "Scelte per vincere. Contro la Roma e contro il Carpi, due formazioni per vincere. Stiamo facendo un buon lavoro, in generale, anche lanciando giovani. Io non vedo così nero, anche se è evidente che i risultati condizionano ogni giudizio".
Cerci, cosa è successo?
"Se avesse fatto gol contro il Bologna, sarebbe stata una domenica rosa, per lui e per noi. Ma non abbiamo perso perché lui ha sbagliato".
I fischi per Montolivo: come ha reagito?
Montolivo: "A fine partita, come sempre, siamo andati a salutare i nostri tifosi... Sono andato a prendere alcuni miei compagni e siamo andati verso la metà campo per il saluto, ma Abate capitano aveva già salutato i tifosi. Così mi sembrava fuori luogo fare un saluto-bis e ci siamo girati e siamo tornati verso gli spogliatoi. Peccato poi si sia fatta dietrologia, dicendo cose poco oneste e non vere sul mio conto".
Dopo la gara col Bologna ha sentito il presidente?
Miha: "Dopo la partita no, se mi chiama oggi gli parlerò, è il presidente che chiama. Mi chiama sempre lui, fatte pochissime eccezioni".

Da 30 anni lei è nel calcio: serve qualcosa cambiare allenatore?
Miha: "Non c'è una regola. A volte va bene, a volte va male. Se io vedo che la mia squadra non si allena bene, se non è unita, sono il primo io a tirarmi fuori. Ma questi presupposti al Milan non ci sono, non li vedo. C'è chi parla di squadra disunita? No, a me proprio non risulta. Serve solo dare il massimo, poi si vedrà".
Fra lei e Garcia chi rischia di più?
Miha: "Sembra una sfida fra due pistoleri, non so chi rischia di più. Non guardo in casa degli altri, se giochiamo come sappiamo possiamo fare risultato".

TAGS:
Calcio
Milan
Mihajlovic

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X