DIRITTI TV, RIVOLUZIONE IN ARRIVO: IMMAGINI IN CHIARO DOPO LE 22

Il nuovo bando della Lega Serie A è destinato a rivoluzionare il calcio in tv. Per guardare le dirette dell'intero campionato potrebbero servire almeno due abbonamenti, a meno di accordi commerciali fra gli operatori, resi possibili da regole e tecnologie. Di certo gol e highlights in chiaro non saranno disponibili in televisione prima delle 22 di domenica (salvo il diritto di cronaca per i tg), mentre sul web saranno visibili tre ore dopo ogni partita. Dopo un anno tormentato, fra bandi a vuoto e l'accordo naufragato con Mediapro, la Lega conta finalmente di incassare 1.1 miliardi di euro a stagione per il 2018/21, puntando su piu' svolte: cade la barriera fra piattaforme, si strizza l'occhio al principale player, Sky, che voleva forti esclusive per prodotto, ad operatori web e millennials. Meno ai telespettatori tradizionali, che non potranno piu' contare su 90' Minuto. "Siamo tranquilli, fino a mercoledi'", sorride uno dei presidenti dopo l'assemblea lampo che ha varato i pacchetti. Entro mercoledi' alle 11 devono essere infatti depositate le eventuali offerte di Sky (l'ad Andrea Zappia ha chiuso la tornata di trattative privare), Mediapro (Marco Bogarelli ha condotto i confronti oggi), Mediaset, Tim, Perform e Italia Way. Nella stessa giornata l'assemblea assegnera'. La Lega ha scelto la vendita per prodotto, accantonando quella usata fin qui per piattaforma, stimando una differenza di oltre 300 milioni fra i due modelli. E' stata seguita la linea piu' comune all'estero, sottolineano i manager della Lega e dell'advisor Infront, che hanno messo sul mercato tre pacchetti: uno da 452 milioni con 3 partite a giornata (sabato alle 18, domenica alle 15 e 20.30); uno da 408 milioni con 4 match (sabato alle 15, domenica alle 15 e 18, e il 'monday night'); e quello da 240 milioni con 3 gare (sabato alle 20.30, domenica alle 12.30 e 15). I prezzi sono commisurati a numero di partite, fasce orarie, ma anche alla formula 'pick', ossia al numero di scelte (8 per i primi due pacchetti, 4 per il terzo) e all'ordine con cui vengono esercitate dai licenziatari, una volta definito il calendario, per collocare i 20 big match negli slot orari che ciascuno ha acquistato. Si tratta degli scontri diretti fra Inter, Milan, Juventus, Roma e Napoli, che in genere si giocano in prima serata sabato e domenica. Le squadre dovranno adeguarsi. Ogni operatore puo' acquistare al massimo due pacchetti. Chi vorra' seguire l'intero campionato in poltrona dovra' sottoscrivere almeno due abbonamenti, salvo accordi commerciali fra operatori: e' prevista la possibilita' da parte del licenziatario di uno o due pacchetti, di ritrasmettere le proprie partite sulla piattaforma di un altro broadcaster. Lo scenario piu' probabile e' un mercato con Sky in possesso di due pacchetti e il terzo a un altro operatore: Mediaset, che ha gia' stretto altre intese con la pay tv di Murdoch, Tim o Perform. Pare formale l'interesse di Italia Way, mentre Mediapro, che puntava al canale, puo' tornare in gara solo come intermediario, per rivendere ad altri. Il valore dell'esclusiva e' tutelato anche eliminando i diritti per le societa' di scommesse, combattendo la pirateria.

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X