TGCOM24
LE NEWS IN TEMPO REALE 24 ORE SU 24. VIDEO, CRONACA, TELEVISIONE, SPORT, MOTORI, VIAGGI
logo

SportMediaset

"Sarri e lo schifo di mezzogiorno: ha ragione"

Lo dice il medico della Serie B: "Gli atleti devono sottostare a nuovi bioritmi e ne pagano le conseguenze"

"Sarri e lo schifo di mezzogiorno: ha ragione"

I dopopartita di Maurizio Sarri non sono (quasi) mai uguali. Tranne in un caso: quando si gioca a mezzogiorno. Qui, il titolare della panchina del Napoli, a prescindere da vittoria, pareggio o sconfitta, non manca mai di chiudere i discorsi con la frase storica: "Giocare e mezzogiorno è uno schifo". La si è presa come una sorta di mania e uffa, Sarri, potrebbe anche bastare.

E invece è meglio fare una riflessione e osservare come Sarri non butti lì una frase tanto per dire: alla base ci sono cose serie, ovvero "una sacrosanta verità, ma è una questione di lana caprina e dobbiamo fare di necessità virtù". Così dice Francesco Braconaro, presidente della Commissione Medico-Scientifica della Lega Serie B, a margine della presentazione della Guida Nutrizionale.
Braconaro sottolinea che "ogni organismo ha ritmi particolari a cui ci si può abituare", rimarcando però come questi "possano scombussolare gli atleti" perché "cambiano i sistemi biologici". "Quello dei diritti tv - aggiunge Braconaro - è un business a tutto tondo e ci sono dei contratti a cui bisogna sottostare. Questo scotto lo pagano gli atleti, come pagano lo scotto dell'ipermedicalizzazione per le troppe gare da giocare. Noi medici dobbiamo lavorare per ridurre questi disagi, apportando le nostre conoscenze scientifiche".

TAGS:
Calcio
Sarri
Campionato a mezzogiorno

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X