La Roma affonda il Bari, 3-1

Totti si riprende lo scettro, tripletta

Totti

La Roma vince all'Olimpico, contro un Bari mai domo e troppo sciupone nella ripresa. Totti autentico mattatore, realizza 3 gol nella prima mezz'ora. Prima rete su rigore guadagnato da Vucinic; poi bordata su punzione dal limite e terzo, spettacolare, con un sinistro di prima da posizione defilata. Nella ripresa il Bari trova un gol ma potrebbe farne di più, viste le diverse occasioni, ma Barreto e Koman riescono solo ad esaltare Julio Sergio.

LA PARTITA

La Roma si scrolla di dosso fischi e polemiche e regala ai suoi tifosi il miglior primo tempo della stagione. Pronti via e palo di Vucinic. Immediata però la reazione del Bari, giunto nella capitale con un cospicuo seguito di pubblico, autore di una meravigliosa e continua coreografia per tutti i 90'. Contropiede per la formazione di Ventura e Barreto che si infila tra Andreolli e Burdisso, ingenui nel farsi cogliere impreparati, ma davanti a Julio Sergio il furetto biancorosso si fa ipnotizzare. Al 6' cambia la gara: Vucinic si invola sulla sinistra ed entra in area, Bonucci lo perde e Gillet, in uscita, tocca l'attaccante montenegrino che cade e si procura il rigore. Sul dischetto va il capitano che non sbaglia, spiazzando il numero 1 biancorosso. Roma gasata dopo il gol, Brighi e Pizarro molto alti, posizione fastidiosa per le ripartenze del Bari, che viene chiuso nella propria metà. Al quarto d'ora raddoppio della Roma: punizione dal limite concquistata da Totti. Tocco di un compagno e bolide del capitano che passa tra le maglie della barriera barese e batte Gillet. Roma dirompente nel primo quarto d'ora. Il Bari esce dal guscio, e su cross da destra, botta al volo di Langella col destro, non il suo piede prediletto, e volo di Julio Sergio che mette in angolo. Al 27' azione manovrata in area barese, tacco di Totti per Perrotta che entra in area, palla vagante su cui si avventa ancora il numero 10, che con un sinistro a giro insacca il gol del 3-0. Tripletta personale e gol numero 9 in campionato, 19.mo stagionale, contando i 10 in Europa League. Al 32' ancora Roma. Due contro due, Menez per Totti che prova la botta col destro, Gillet è attento e devia in angolo. Giallorossi in totale controllo. Al 39' Barreto si trova nuovamente di fronte a Julio Sergio, ma l'attaccante non ha lo spunto decisivo, e il portiere ha ancora la meglio. Primo tempo divertente, grande Roma, Bari inspiegabilmente fuori giri, nonostante qualche sortita offensiva nel finale.

Nella ripresa i pugliesi si risvegliano, complice il rilassamento della Roma, e accumulano alcune nitide palle gol, non sfruttate. Al 3' gran parata di J.Sergio su conclusione potente di Koman. L'assenza di finalizzatori dal rendimento continuo non consente alla formazione di Ventura di trovare occasioni rilevanti per andare in rete. Al 13' Almiron coglie una clamorosa traversa, calciando con forza dal limite dell'area, il Bari cresce, ma il gol non arriva. Passano 8 minuti e i pugliesi si mangiano un altro gol sotto porta. Koman calcia a botta sicura da dentro l'area, ma addosso a Julio Sergio, in giornata di grazie. Roma troppo conservativa nella ripresa e Bari che trova il gol del 1-3. Calcio d'angolo dalla sinistra, salta Ranocchia per colpire di testa, ma è decisiva la deviazione di Andreolli, che batte Julio Sergio. Bari a tratti arrembante nel finale di gara, ma il risultato acquisito nella prima frazione di gioco permette alla Roma di gestire la partita senza eccessivi patemi d'animo. Sorride Ranieri, che ritrova i gol la verve del suo capitano; deluso Ventura, che dalla sua squadra, apprezzata anche oggi per non essersi mai arresa anche sotto di tre gol, si aspetta qualcosa di più.

LE PAGELLE

Totti 9:
il ritorno del capitano. In mezz'ora segna tre gol, due su calcio da fermo e uno da cineteca col sinistro. La sua presenza fa, di fatto, la differenza. Inventa, gestisce e insegue persino gli avversari, l'ottavo re di Roma è tornato. Con questi tre centri arriva a 9 in campionato e 19 totali, numeri impressionanti se si considerano le sole 8 presenze in Serie A quest'anno.

Vucinic 6.5:
fischiato spesso nelle partite precedenti, col Bari dimostra di esserci, almeno nel primo tempo, complici gli spazi che si aprono nella difesa pugliese. Il primo gol è merito suo, è lui che si lancia in uno contro uno verso la porta di Gillet e conquista il rigore. Nella ripresa si spegne col passare dei minuti e viene sostituito.

Julio Sergio 6.5:
Ranieri lo preferisce a Doni, e ha ragione. Il brasiliano si esibisce in un alcuni interventi fondamentali nel primo tempo, e uno su Koman nella ripresa, che consetono alla Roma di mantenere un vantaggio rassicurante.

Barreto 5:
Ha due occasioni ottime. La prima potrebbe portare in vantaggio i suoi, la seconda accorciare le distanze, ma in entrambe si fa ipnotizzare dall'ottimo Julio Sergio. Al Bari sembra proprio mancare un terminale offensivo in grado di trovare con facilità la via della rete.

Ranocchia 6:
in un Bari che affonda, lui e Bonucci, non brillanti, provano a non alzare bandiera bianca, ma gli avanti della Roma hanno spesso il sopravvento. Sicuramente un ottimo prospetto, a volte però troppo sicuro delle sue qualità. Nell'autogol di Andreolli c'è il suo zampino

Almiron 6:
buono come regista di centrocampo, pericoloso in zona gol quando coglie in pieno la traversa nella ripresa. Prova a dare un'idea di gioco anche sotto di tre gol, ma non è giornata da "Bari".

Marco Barzizza

IL TABELLINO

ROMA
(4-4-2): Julio Sergio 6.5, Burdisso 6, Mexes 6, Andreolli 6, Riise 6, Perrotta 6, Brighi 6, Pizarro 6, Vucinic 6.5 (20' st Baptista 6), Totti 9 (45' st Okaka sv), Menez 6.5 (18' st Taddei 6). A disposizione: Doni, Motta, Faty, Taddei, Cerci, Baptista, Okaka. All.: Ranieri

BARI (4-4-2): Gillet 6, Masiello 5.5, Ranocchia 6, Bonucci 5.5, Parisi 6, Antonelli 5 (13' st Kamata 6), Donati 5.5, Almiron 6, Langella 6 (1' st Koman 6), Kutuzov 5.5 (13' st Meggiorini 6), Barreto 5. A disposizione: Padelli, Diamoutene, Kamata, Stellini, De Vezze, Meggiorini. All.: Ventura

Arbitro: Gava di Conegliano
Marcatori: 6' pt- 14' pt - 28' pt Totti (R), 28' st aut. Andreolli (B)
Ammoniti: 43' pt Mexes (R)
 

22 novembre 200917:41

  • Condividi > 
  • Ok Notizie
  • Microsoft Live
  • Delicious
  • Digg
  • Twitter
  • Facebook
  • Google Bookmark
  • Badzu
  • Reddit
  • Technorati
  • Yahoo Bookmark

I VOSTRI COMMENTI

esoso - 28/11/09

io da romanista accanito spero che il capitano non faccia mai l' errore di rivestire la maglia della nazionale per tanti motivi primo fra tutti il fatto che io mi vergignerei di indossare una maglia che non mi rappresenta per niente...

segnala un abuso

antonio - 25/11/09

io invece non capisco perchè devo applaudire un avversario che mi ha appena fatto 3 gol. ho tutto il diritto di esprimere la mia disapprovazione con fischi. e poi mi danno del BASTARDO perchè non l'ho applaudito!!! BASTARDO e LADRO sarà quell'incopetente di mughini che preferirebbe avere ancora la triade. VERGOGNA BASTARDO e ritirati.

segnala un abuso

- 24/11/09

segnala un abuso

- 24/11/09

segnala un abuso

domenico - 24/11/09

il mio commento sara un po forte ,ma sincero chi critica totti e deficiente o laziale(tanto è la stessa cosa)chi dice che è un fuoriclasse normale chi lo difende è un grande!!! e menomale che era finito!!!

segnala un abuso

rd7 - 23/11/09

liuk l'ho visto..si sono scordati di marcarlo..cmq non ti beare che tra 2-3 partite si rompe un altra volta...romaids

segnala un abuso

liuk88 - 23/11/09

HAHAHA e due li ha fatti proprio a voi!!! vattelo a rivede il secondo AHAHAHA

segnala un abuso

LINK CORRELATI

[an error occurred while processing this directive]