Europa League, Atletico-Arsenal 1-0: spagnoli in finale

A Madrid nella semifinale di ritorno decide un gol di Diego Costa al 47'. Grave infortunio per Koscielny. Simeone sfiderà il Marsiglia a Lione

di GIULIA BASSI

Nella semifinale di ritorno di Europa League, l'Atletico Madrid batte 1-0 l'Arsenal e, dopo l'1-1 dell'andata, ottiene il pass per la finale del 16 maggio. L'uomo del match è Diego Costa che al 47', lanciato da Griezmann, sovrasta Bellerin e buca Ospina. La squadra di Simeone, in tribuna per squalifica, regge l'assalto inglese e vola a Lione dove sfiderà il Marsiglia. Ultima gara europea per Wenger, pronto all'addio dopo 22 anni.

LA PARTITA

E alla fine il Cholo Simeone urla e festeggia dalla tribuna: il suo fedele esercito, guidato per l'occasione dal vice Burgos, non sbaglia nulla e vola a Lione mantenendo la tradizione degli ultimi tempi che vuole l'Atletico in una finale europea negli anni pari. Ma al di là dei numeri e delle scaramanzie ha resistito ancora una volta la fortezza inespugnabile di una squadra che in casa non prende gol da 12 partite consecutive tra campionato e coppa e che ha vinto 11 delle ultime 12 gare giocate qui. A fare da contraltare, la favola senza liete fine di Wenger, al passo d'addio con l'Arsenal dopo 22 anni: il manager alla sua partita numero 250 in Europa saluta con una sconfitta e lascia i Gunners senza la possibilità di accedere non solo alla finale ma anche alla Champions. E' bello ma non balla: si potrebbe definire sinteticamente così l'Arsenal, che ha perso in avvio Koscielny per un grave problema al tendine d'Achille. Incredibilmente solido ed efficace l'Atletico che aveva mostrato il proprio manifesto nella gara di andata (giocata praticamente tutta in inferiorità numerica): il manifesto della resistenza, del sacrificio e della compattezza ovvero del cholismo che al ritorno ha fatto leva sule sue caratteristiche cercando, il più possibile, di azzerare la qualità inglese e privarla di ogni incisività.

Mondi opposti, o quasi. L'Atletico ha una parola d'ordine, almeno al principio: non rischiare. Il 4-4-2 tipico da battaglia con Gabi e Saul in mezzo al campo e la coppia d'attacco Griezmann-Diego Costa davanti, all'inizio si dedica a un possesso palla che sembra voler rallentare il ritmo e badare a non scoprirsi. Ma si rivelerà poi, questa, una fase di attesa del nemico. Attesa che faccia il primo passo fuori dalla trincea per esporsi al fuoco. E l'Arsenal non se lo lascia dire due volte perché con la qualità dei suoi centrocampisti (Ramsey e Wilshere su tutti) cerca di guadagnare campo per poi provare a colpire occupando bene le fasce sia con le avanzate dei terzini (Bellerin e Monreal) sia coi movimenti di Welbeck e Ozil in avanti che agiscono alle spalle di Lacazette. I Gunners arrivano facilmente a ridosso dell'area e creano diverse occasioni ma solamente potenziali perché i Colchoneros sono sempre ben piazzati e attenti a occupare le giuste posizioni. In alcuni momenti la linea difensiva dell'Atletico è composta da sei uomini con Vitolo e Koke che indietreggiano, tutti precisi al millimetro nei rispettivi spazi. E quella di Simeone è squadra che se sembra dormiente, quello è proprio l'attimo in cui può colpire. Una volta stanato il nemico. Gli spagnoli si fanno via via pericolosi soprattutto sfruttando le palle inattive (Koke al volo da fuori e Griezmann in area dopo un bellissimo aggancio sfiorano il palo) e iniziano a prendere la mira una volta che la partita cresce d'intensità e i contrasti si fanno frequenti. E quando è battaglia allora sale forte il grido del Wanda Metropolitano. E' sul finire del primo tempo che sfruttando l'ennesima palla persa in uscita dall'Arsenal, Griezmann disegna un tracciante perfetto per Diego Costa che in area vince il duello con Bellerin e buca Ospina ritrovando il gol dopo oltre due mesi. E legittimando la crescita agonistica ma anche territoriale dei suoi nell'ultimo quarto d'ora di un primo tempo che gli inglesi hanno cercato di giocare con qualità e gli spagnoli hanno controllato prima di andare ad affondare il colpo.

Nella ripresa l'occasione in avvio per Ramsey nel cuore dell'area è la quintessenza delle due squadre: della bellezza e della tecnica ma anche della poca concretezza dell'Arsenal, e della ferocia dell'Ateltico che mette addosso tre uomini a disturbare il gallese prima che possa tentare il tiro a due passi da Oblak. I Gunners provano ad aumentare la loro pressione ma dove c'è sofferenza l'Atletico si esalta. Lo fa soprattutto Godin, impeccabile nelle chiusure. Il match si fa intenso con occasioni da entrambe le parti: gli inglesi provano a fare la gara, l'Atletico però non va in apnea e regge l'urto di Ramsey, Ozil e Xhaka con Oblak che di fatto è impegnato seriamente una sola volta. Wenger toglie Wilshere per Mkhitaryan che sfiora subito la traversa: ma il passaggio al 4-4-2 non cambi alla sostanza delle cose perché gli spagnoli chiudono e ripartono. E sfiorano il colpo del ko con Diego Costa e Griezmann. Ma nonostante un finale rovente, di quelli in cui tutto potrebbe capitare, capita invece che i ragazzi di Simeone mantengono il controllo della postazione fino all'ultimo, fino alla vittoria finale. Per l'ennesima dimostrazione pratica del cholismo che nei territori d'Europa continua a scorrazzare e a fare conquiste. L'ultima campagna sarà quella di Lione che può portare il movimento di resistenza per accellenza alla presa del potere. Ma bisognerà fare i conti col Marsiglia.

LE PAGELLE

Diego Costa 8 - Uomo copertina ma non solo per il gol che vale la finale. Movimenti in sincronia con Griezmann e tanto gioco per la squadra

Thomas 6 - Dal suo lato soffre Ozil soprattutto nella ripresa ma non crolla e regge

Godin 7,5 - Se Diego Costa segna, lui e Gimenez chiudono ogni varco: la loro difesa è ermetica, sempre piazzati al posto giusto, a loro agio quando gli avversari premono

Wilshere 6,5 - Quando Wenger lo leva risulta il migliore in campo sei suoi per la qualità delle giocate e delle aperture. Avvia la manovra e invita i compagni a salire con pennellate sempre lucide e corrette

Bellerin 5 - Perde il duello fisico con Diego Costa in occasione del gol. Spinge tanto ma è preciso pochissimo

Lacazette 5 - Anonimo, non colpisce e non lascia il segno. Ha un guizzo nei primi minuti poi lo si nota solo nel finale perché perde la palla di una possibile buona azione in ripartenza

IL TABELLINO

ATLETICO MADRID-ARSENAL 1-0
Atletico Madrid (4-4-2): Oblak 6,5; Thomas 6 (47' st Savic sv), Gimenez 7,5, Godin 7,5, Lucas Hernandez 7; Vitolo 6,5 (29' st Correa 6), Saul 6,5, Gabi 6, Koke 6,5; Douglas Costa 8 (37' st Torres sv), Griezmann 7. A disp.: Werner, Felipe Luis, Olabe, Gameiro. All.: Burgos 7,5
Arsenal (4-3-2-1): Ospina 6; Bellerin 5, Mustafi 6, Koscielny sv (12' st Chambers 6), Monreal 5,5; Ramsey 5,5, Xhaka 6, Wilshere 6,5 (22' st Mkhitaryan 6); Welbeck 5, Ozil 5; Lacazette 5. A disp.: Cech, Kolasinac, Maitland-Niles,  Iwobi, Nketiah. All.: Wenger 5
Arbitro: Rocchi (Ita) 
Marcatori: 47' Diego Costa (AT)
Ammoniti: Wilshere (AR), Gabi (AT), Monreal (AR), Saul (AT), Mustafi (AR), Diego Costa (AT)
Espulsi: -

TAGS:
Calcio
Europa League
Atletico Madrid
Arsenal
Semifinale

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X