Nazionale, promosso e bocciati: bene Chiesa e Balotelli, da rivedere Mandragora e Berardi

Gli azzurri più indietro della Francia di Deschamps: c'è da lavorare per Mancini

Mandragora, IPP

La sconfitta contro la Francia rimediata a Nizza (3-1) non può e non deve bloccare la crescita dell'Italia di Roberto Mancini. Nonostante il ko, si è vista una prova in crescendo di Federico Chiesa (Fiorentina), giocatore ambito da mezza serie A. Corre, difende ed è già un leader di questo gruppo che avrà, a lungo termine, due obiettivi importanti da centrare: Euro 2020 (quello itinerante per festeggiare i 60 anni della manifestazione) e Qatar 2022. Non solo Chiesa: importante anche il contributo dato da Balotelli. Certo, Super Mario può e deve fare di più, ma si procura la punizione da dove nasce il gol di Bonucci e viene promosso per la voglia e l'atteggiamento messo in campo. Bene anche Sirigu per le tante parate che hanno evitato agli azzurri di fare una figuraccia. Anche se forse un po' troppo avanti in occasione del 3-1 di Dembélé.

Alcuni giocatori, però, sono da rivedere. Troppo indietro. Su tutti Berardi: lento, impreciso, macchinoso, prevedibile. La Nazionale per l'esterno del Sassuolo (che piace tanto alla Roma) può essere il suo vero trampolino di lancio. Un'occasione da sfruttare per non perdersi. Male anche D'Ambrosio sulle avanzate di Hernandez e Mandragora, in ritardo su Pogba, Kanté e Tolisso. Tre mostri sacri per un giovcane come lui. Adesso, l'ultimo test è quello di Torino all'Allianz Stadium contro l'Olanda, un'altra grande rimasta senza Mondiale. Un'altra prova per Mancini per capire il livello della nostra Nazionale. Da lì, poi, si dovrà ripartire.

TAGS:
Calcio
Italia
Nazionale
Mancini
Balotelli
Chiesa
Berardi

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X