Nba, tripla doppia Durant: sorride Golden State

Minnesota si deve inchinare ai Warriors. Un Westrbook da 46 punti trascina Oklahoma, successi per Sacramento e Denver.

Nba, tripla doppia Durant: sorride Golden State

La tripla doppia di Kevin Durant (28 punti, 10 rimbalzi e 11 assist) e le bombe dalla distanza di Curry e Thompson regalano a Golden State la vittoria su Minnesota (126-113). Sorride anche Oklahoma che si gode un Westbrook da 46 punti e stende Washington (121-112). Una schiacciata di De’Aaron Fox vale a Sacramento il sorpasso sul filo di lana ai danni di Miami (89-88), mentre per Denver è tutto facile in casa con New York (130-118).

MINNESOTA TIMBERWOLVES - GOLDEN STATE WARRIORS 113-126
Quando i suoi big three girano alla perfezione è quasi impossibile vedere Golden State sconfitta. Durant, Thompson e Curry fanno 78 punti in tre (28, 25, 25) e trascinano i Warriors al successo interno su Minnesota. Per i Timberwolves è ancora assente Jimmy Butler e anche i 31 punti con 11 rimbalzi di Karl Anthony Towns non bastano per evitare il secondo ko in due giorni. La gara non è mai in discussione perchè Minnesota pur restando non troppo distante nel punteggio non riesce mai a contenere un attacco in grado, tra le varie cose, di sfornare 37 assist e di mandare 21 triple a bersaglio.

WASHINGTON WIZARDS - OKLAHOMA CITY THUNER 112-121
Alla Chesapeake Arena di Oklahoma, i Thunder conducono dall’inizio alla fine contro Washington e conquistano la quinta vittoria consecutiva. Per i Wizards pesano le 23 palle perse che rendono vana anche la grande prova di Bradley Beal (41 punti, 12 rimbalzi e 7 assist). In una serata in cui le stelle di Paul George e Carmelo Anthony si accendono ad intermittenza (18 e 13 punti), il mattatore è Russell Westbrook, autore del suo massimo stagionale con 46 punti (19/29 al tiro) conditi da 6 rimbalzi e altrettanti assist.

SACRAMENTO KINGS - MIAMI HEAT 89-88
Sacramento spezza l’incantesimo e dopo 18 anni (l’ultima affermazione era stata nel 2001) vince a Miami. All’American Airlines Arena va in scena una gara molto bella che per i primi tre tempi regala una serie di sorpassi e controsorpassi. Nel quarto periodo gli Heat riescono a volare sul +12 e sembrano padroni del campo, ma negli ultimi sei minuti arriva il parziale di 17-4 che capovolge il risultato. La giocata che decide il match arriva a 3” dalla sirena: Miami è avanti di 1 e difende forte su Bogdanovic, ma si dimentica di andare a rimbalzo e sull’errore al tiro della guardia serba si avventa il rookie De’Aaron Fox che vola sopra il ferro per i due punti che valgono sorpasso e vittoria.

NEW YORK KNICKS - DENVER NUGGETS 118-130
Tutto facile per Denver che con New York fa 39 punti nel primo quarto (chiuso a +11) e mette in cassaforte la partita. I Knicks provano a rientrare con i 21 punti di Porzingis e Beasley, ma i Nuggets tirano con il 60% dal campo e lasciano poco spazio alle velleità di rimonta dei viaggianti. Quattro i giocatori in evidenza nelle fila dei padroni di casa: Harris (23), Lyles (21), Murray e Jokic (18) segnano a raffica e condannano New York alla terza sconfitta di fila, la settima delle ultime nove gare.

TAGS:
Nba
Basket

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X