Nba – Toronto e Golden State battute. Indiana vince e manda Belinelli ai playoff

Harden guida i Rockets contro Atlanta, Celtics senza problemi su Sacramento. Clippers e Jazz si regalano una serata da sogn. Il successo dei Pacers regala i playoff a Philadelphia

Nba – Toronto e Golden State battute. Indiana vince e manda Belinelli ai playoff

Toronto rallenta nella notte Nba, crollando contro i Clippers capaci di rimontare dopo un avvio da incubo. Boston può accorciare sulla vetta della Eastern Conference, passando su Sacramento, e Cleveland prova a blindare la terza posizione con un finale da urlo sui Nets. A Ovest tutto facile per Houston contro Atlanta con Harden in tripla doppia. Ko Golden State in completo black out contro Utah. I Pacers battono Miami e vanno ai playoff: ma la vittoria consente anche ai Philadelphia 76ers di Belinelli di qualificarsi ai playoff, un evento che non accadeva da otto anni.

TORONTO RAPTORS-LOS ANGELES CLIPPERS 106-117
Si spegne improvvisamente la luce per i Raptors: all’Air Canada Centre il +18 fatto registrare dopo pochi minuti sembra essere l’indizio inequivocabile di una serata di gloria per la capolista dell’Eastern Conference. I Clippers però vogliono giocarsi le ultime chanches di accedere ai playoff e costruiscono punto su punto una rimonta da cardiopalmo. Lou Williams con 26 punti a referto trascina Los Angeles in una serata da incorniciare.

SACRAMENTO KINGS-BOSTON CELTICS 93-104
Sacramento sembra autorizzata a crederci, ma quando i Celtics ingranano la marcia giusta la partita va in archivio come da pronostico. Boston porta a casa una vittoria determinante con la firma di Terry Rozier (33 punti) e fa un passo avanti verso la vetta, ancora distante, della Eastern Conference.

BROOKLYN NETS-CLEVELAND CAVALIERS 114-121
Brooklyn conduce i giochi dal primo minuto, i Cavs tentano solo un paio di timidi sorpassi prima di trovare quello definitivo nell’ultimo quarto, in cui fanno registrare un parziale di 25-34 che spiana la strada al successo consecutivo numero cinque. LeBron James chiude con 37 punti, 10 rimbalzi e 8 assist, per i Nets i 30 punti di Joe Harris con un 6/7 da tre sono una magra consolazione.

HOUSTON ROCKETS-ATLANTA HAWKS 118-99
Gara a senso unico: i Rockets non sbandano praticamente mai e ipotecano la vittoria già dalle prime battute. Il +19 finale è lo specchio fedele dell’andamento della partita, con la prima forza della Western che strapazza il fanalino di coda della Eastern con la tripla doppia di James Harden (18 punti, 10 rimbalzi e 15 assist) e i 25 punti di Gerald Green.

GOLDEN STATE WARRIORS-UTAH JAZZ 91-110
Il crollo di Golden State è di quelli che fanno male, con il black out improvviso alla fine del primo quarto e il divario rispetto alla vetta della Western Conference che diventa incolmabile. Utah passa con i 21 punti di Donovan Mitchell e la doppia doppia di Rudy Gobert (17 punti e 15 rimbalzi), ma soprattutto trovando una strada spianata arrivando a toccare il +26 in una serata nera per i Warriors scesi in campo senza i 4 All-Star.

MILWAUKEE BUCKS-SAN ANTONIO SPURS 106-103
Sono dei Bucks ad altissima instabilità quelli che portano a casa un successo contro San Antonio: nel primo quarto il picco di +13 crolla in breve tempo fino al momentaneo vantaggio degli Spurs, analogo destino anche per la controrimonta, che tocca il suo apice nel +15 dell’ultima frazione, quasi interamente dilapidata fino al +3 finale. 25 punti e 10 rimbalzi per Giannis Antetokounmpo sono la firma sul settimo posto di Milwaukee in Eastern Conference.

INDIANA PACERS-MIAMI HEAT 113-107
Miami prende il largo, poi spreca troppo e viene raggiunta nell’ultimo quarto dai Pacers. I supplementari sono fatali per gli Heat che cadono ancora e vedono vacillare l’ottavo posto in Eastern Conference. Tyler Johnson prova a trascinare Miami con 19 punti a referto, ma i 23 di Victor Oladipo e i 22 di Thaddeus Young spianano la strada a Indiana. Con questo successo i Pacers vanno ai playoff e regalano anche l'accesso ufficiale ai playoff ai Philadelphia 76ers di Belinelli: non accadeva da 8 anni.


WASHINGTON WIZARDS-NEW YORK KNICKS 97-101
Alla Capital One Arena la partita è costantemente in bilico, dopo una parentesi di controllo dei Knicks arriva un finale fatto di sorpassi e controsorpassi continui. Alla fine però ad avere la meglio è New York con tre tiri dalla lunetta firmati da Courtney Lee e Lance Thomas. Washington cade e resta sesta a Est.

OKLAHOMA CITY THUNDER-PORTLAND TRAIL BLAZERS 105-108
Portland domina in avvio, subisce il prepotente ritorno di Oklahoma nell’ultimo quarto, ma riesce ugualmente a portare a casa la vittoria spronata da Damian Lillard (24 punti) e CJ McCollum (34) che nel finale rispondono a Russell Westbrook (23), determinato nel voler regalare ai Thunder il successo nello scontro ad alta quota in Western Conference.

TAGS:
Nba

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X