Nba, playoffs: Cleveland in finale di Conference, Thunder-Spurs sul 2-2

Okc impatta grazie ai 41 punti di Kevin Durant, Cleveland chiude la serie con Atlanta e vola alle finali di Conference

Nba, foto AFP

Bisognava fare i primi conti con Kevin Durant. Gli Oklahoma City Thunder non si fanno mettere nell'angolo, e dopo il ko in Gara 3 replicano a San Antonio superando 111-97 i neroargento in una Gara 4 che rimette la serie in parità. Nella Eastern Conference c'è già la prima finalista: si tratta di Cleveland, che infila il secondo sweep consecutivo e fa fuori 4-0 Atlanta. Hawks che s'inchinano 100-99 ai Big Three.

Con Westbrook che fatica a trovare la via per il canestro (l'ex UCLA chiuderà comunque con 14 punti e 15), è Durant a vestire i panni del supereroe: il numero 35 sigilla la vittoria della Chesapeake Energy Arena con 41 punti (pareggiando il suo massimo in carriera nei playoff), con un quarto periodo da incorniciare. Nell'ultimo quarto il parziale dice 34-16 per i padroni di casa, con gli Spurs incapaci di trovare una contromisura efficace al pick n'roll Waiters-Durant. Serie che ora farà ritorno a San Antonio per una Gara 5 dal peso specifico incalcolabile.

Che Cleveland fosse la favorita a est per tornare alle Finals era certo, ma in pochi si aspettavano che gli Hawks non riuscissero a portare a casa nemmeno una vittoria contro LeBron e compagni. Ecco quindi che i Cavs diventano la nona squadra nella storia della postseason a infilare otto vittorie di fila (gli Spurs nel 2012 gli ultimi a riuscirci): con un Kevin Love da 27 punti e 13 rimbalzi e il 43% di squadra da tre punti i vicecampioni in carica tornano in finale di Conference, espugnando 100-99 la Philips Arena. Ora la squadra di coach Lue dovrà pazientare un po' per conoscere la propria rivale, che uscirà dalla serie tra Toronto e Miami (attualmente sul 2-1 per i Raptors).

TAGS:
Nba
Basket
Thunder
Cleveland