Nba, playoff: Curry show, Golden State vince all'overtime

I Warriors si portano sul 3-0 contro i Pelicans; a un passo dal second round anche Cavaliers e Bulls

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Nba, foto AFP

La notte Nba smentisce il fattore campo e consegna tre vittorie in trasferta, che portano le serie in gara al medesimo punteggio: 3-0. Successi per Cleveland a Boston e per Chicago a Milwaukee, ora a un passo dalle semifinali di conference, ma soprattutto per Golden State a New Orleans: ai Warriors serve un overtime per piegare i Pelicans, con uno Stephen Curry in stato di grazia da quaranta punti (di cui venti nell'ultimo quarto).

E' il solito Curry a far impazzire lo Smoothie King Center: Golden State sbanca New Orleans 119-123 e ora avrà a disposizione il primo match ball per chiudere la serie. Avvio equilibrato, con i Pelicans che prendono il largo nel secondo quarto e i Warriors che crollano nel terzo (chiuso a -20): nell'ultimo arriva però la reazione californiana. Curry trascina ed è decisivo: venti punti nel quarto quarto (su quaranta complessivi) propiziano la rimonta, completata a sei secondi dalla sirena (sul 108-105) con la tripla supersonica che demolisce i padroni di casa. Parità e overtime (aperto da un'altra tripla dell'mvp di serata), ma psicologicamente è una mazzata tremenda.

Tutto più semplice per LeBron James, al primo ritorno a Boston dopo la super prestazione del 2012: anche il 3-0 dei Cavs arriva a domicilio, sul parquet dei Celtics, dove il match si chiude sul 95-103. Il Prescelto chiude con 31 punti e 11 rimbalzi e ora, coadiuvato da un Kevin Love formato 23 punti, punta dritto dritto al 4-0 per terminare il capitolo biancoverde. Terza sconfitta dunque per il nostro Gigi Datome che riesce comunque a ritagliarsi nove minuti in campo, ma soprattutto a mettere a referto i suoi primi due punti nei playoff Nba. E scusate se è poco.

Se a Golden State era stato necessario un overtime, ai Bulls ne servono ben due per uscire vincenti da Milwaukee. Finisce 106-113 e anche in questo caso gli ospiti si portano sul 3-0, mettendo un piede e qualcosa di più nel prossimo turno. La copertina se la prende sicuramente Derrick Rose, finalmente tornato ai suoi strepitosi livelli: 34 punti e 48 minuti in campo, minutaggio record dal 24 novembre 2011. A dargli man forte ci ha pensato Jimmy Butler (24 punti): ora Chicago, con un Rose così, non può permettersi di sprecare il primo match ball.

TAGS:
Basket
Nba
Curry
Golden State

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X