Nba: Golden State da record, Belinelli e Messina ko

Gli Warriors battono Orlando e trovano la 45.a vittoria casalinga di fila superando il primato dei Bulls. I Kings del Beli cadono a New Orleans, il coach a Indiana

Golden State, AFP

Golden State continua a macinare record. Nella notte Nba i Warriors battono Orlando e conquistano la 45.a vittoria casalinga di fila, superando il primato dei Bulls che nella stagione '95-'96 si fermarono a 44: inoltre Curry diventa il primo giocatore della storia a superare quota 300 triple in regular season. Brutte notizie invece per gli italiani: i Kings di Belinelli cadono a New Orleans, mentre gli Spurs di coach Messina perdono a Indiana.

La Oracle Arena è un vero fortino inespugnabile: i Golden State portano avanti una striscia di vittorie in regular season che dura dal 27 gennaio 2015, quando a metterli ko davanti ai propri tifosi furono proprio i Bulls che adesso cedono lo scettro. Anche in questa stagione le 6 sconfitte, l'ultima ieri contro i Lakers, sono arrivate lontane dai propri tifosi: è arrivato il pronto riscatto dei campioni in carica, che stendono Orlando 119-113, con i 41 punti del solito scatenato Curry che tocca quota 301 triple in regular season, mai nessuno come lui.

Capitolo italiani. Continua il momento negativo di Sacramento che si inchina 115-112 contro i Pelicans e trova così la sesta sconfitta nelle ultime sette uscite: non bastano i 40 centri di Cousins, per Belinelli notte con 12 punti e un assist. Non va meglio a Ettore Messina, chiamato a sostituire Popovich per due partite lontano da San Antonio: dopo otto vittorie consecutive gli Spurs cedono 99-91 sul parquet di Indiana. Continuano a convincere i Clippers che trascinati da Chris Paul (27) sbancano Dallas (90-109), mentre a Est stenta Cleveland che cade 103-106 in casa contro Memphis. Chiudono il programma le vittorie di Chicago, 100-90 contro i Bucks, e Charlotte, 108-103 con Minnesota.

TAGS:
Steph curry
Golden state warriors
Nba