NBA: Golden State a valanga, Boston ritorna al successo, sorride Belinelli

Gli Warriors si abbattono 143-94 sui poveri Bulls, i Celtics piegano 118-103 Orlando, Atlanta colleziona la quarta vittoria 116-104 contro New York

NBA: Golden State a valanga, Boston ritorna al successo, sorride Belinelli

Alla Oracle Arena va in scena lo show di Golden State che annienta Chicago 143-94 con Curry che chiude a 33 punti. Ritorna alla vittoria Boston che, dopo il ko di Miami, travolge 118-103 Orlando grazie a un Irving da 30 punti. Settimo successo di fila per Cleveland ai danni di Charlotte, che subisce la 57.a tripla doppia di LeBron James e si arrende 100-99. Grande vittoria per Atlanta che in casa supera 116-104 New York con 15 punti di Belinelli.

Dopo il turno di stop per festeggiare il Thanksgiving Day (il Giorno del Ringraziamento) torna lo spettaccolo dell'NBA con ben 10 partite sul palquet. I Golden State senza Kevin Durant dimenticano subito la sconfitta di Oklahoma distruggendo alla Oracle Arena 143-94 i poveri Bulls, che subiscono il quarto ko di fila scivolando all'ultimo posto della Eastern Conference. Partita dominata dagli Warriors con Curry che ne realizza 26 (sui 33 punti totali) solo nel secondo quarto. Grande prestazione anche per Thompson (29 punti con 5/9 da tre) e Young (17 punti). Chicago può solo sorridere per il massimo in stagione (14 punti) del rookie Markkanen. Settimo successo consecutivo per Cleveland che, nonostante l'addio di Rose, vince di misura 100-99 su Charlotte volando al terzo posto a Est. Protagonista della sfida è il solito grandioso LeBron James, autore della sua 57° tripla doppia con 27 punti, 13 assist e 16 rimbalzi. Non basta agli Hornets la doppia-doppia da 20 punti e 13 rimbalzi di Howard per evitare l'ottava sconfitta su nove gare in trasferta. Ritorna al successo Boston che, dopo il pesante ko di Miami che aveva interrotto la serie di 16 vittorie, travolge 118-103 Orlando mantenendo il primato a Est. Non fa più notizia la solita grande prova di Kyrie Irving che realizza 30 punti ma i Celtics festeggiano anche il massimo in carriera di Rozier che chiude con 23 punti e 5/7 dall'arco e la prima doppia doppia in maglia verde di Baynes (13 punti e 11 rimbalzi). Crisi nera invece per Orlando che perde ormai da sette partite consecutive.

Ritorna alla vittoria anche Atlanta che con un Belinelli da 15 punti (8 realizzati nell'ultimo quarto) piega 116-104 New York, lasciando l'ultima piazza nella Eastern Conference. Nelle altre gare brutto ko di Oklahoma che nonostante la sesta tripla doppia stagionale di Russel Westbrook (27 punti, 11 assist e 11 rimbalzi) cede in casa 98-99 contro Detroit. I Thunder sprecano per l'ennesima volta un vantaggio in doppia cifra e i Pistons guidati dalla doppia doppia (17 punti e 14 rimbalzi) del centro Andre Drummond consolidano il secondo posto a Est dietro a Boston. Quinta vittoria interna di fila per Denver che piega 104-92 Memphis che va incontro alla sua nona sconfitta consecutiva. Protagonista di serata è Nikola Jokic, che sfiora la tripla doppia con 28 punti, 13 rimbalzi e 8 assist. Vince in casa anche Indiana che supera 107-104 Toronto con i 21 punti di Victor Oladipo. Non basta ai canadesi la tripla doppia sfiorata (24 punti, 8 assist e 10 rimbalzi) di Lowry perchè DeRozan si ferma a 13 punti, condannando i Raptors al secondo ko di fila. Grandi successi in trasferta per Miami che supera 109-97 Minnesota e per New Orleans che annienta 115-91 i Suns.

TAGS:
Basket
Nba

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X