Nba: Duncan leggendario, scivolone Warriors

Gli Spurs regalano al loro centro la vittoria numero 1000 in carriera, Golden State perde in casa coi Twolves e vede allontanarsi il record

Nba: Duncan leggendario, scivolone Warriors

Notte di traguardi e sorprese in Nba. I San Antonio Spurs vincono in volata sul campo dei Jazz e regalano a Tim Duncan la vittoria numero 1000 in carriera, il terzo di sempre a riuscirci. Sorprendente tonfo casalingo dei Golden State Warriors contro i Timberwolves: ora il record dei Bulls 1995-96 si allontana. I Thunder sbancano Denver con la 17esima tripla doppia di Westbrook mentre i Cavs asfaltano Milwaukee.

Tim Duncan è nella storia Nba. Il centro delle Isole Vergini, entrato nella Lega nel 1997, ha raggiunto il traguardo delle 1000 vittorie in carriera grazie al successo 88-86 dei San Antonio Spurs sul campo degli Utah Jazz con un canestro di Kawhi Leonard, 18 punti, a 5 secondi dalla fine. Duncan è il terzo di sempre a riuscirci dopo Kareem Abdul-Jabbar e Robert Parish, ma il primo in assoluto con la stessa squadra.

Incredibile e inaspettata sconfitta casalinga per i Golden State Warriors (seconda nelle ultime tre gare) che cedono 124-117 dopo un supplementare ai giovani Minnesota Timberwolves, trascinati da Wiggins, 32 punti, e da Shabazz Muhammad, 35 con 15 su 17 ai liberi uscendo dalla panchina. Per i Warriors, cui non sono bastati i 28 punti di Klay Thompson, è la prima sconfitta stagionale in overtime (6-0 finora) e la prima (dopo 114 vittorie) dopo aver avuto un vantaggio di almeno 15 punti: infatti erano anche a +17. A 4 gare dalla fine della regular season Golden State deve vincerle tutte - due con Memphis e due con San Antonio - per battere il record di 72-10 dei Bulls del 1995-96.

Nelle altre gare i Portland Trail Blazers 115-107 sul campo dei Sacramento Kings (senza Belinelli) con 30 punti di McCollum, gli Oklahoma City Thunder passano facilmente 124-102 a Denver con la 17esima tripla doppia di Westbrook (Magic Johnson ne fece 18 nel 1989), i Cleveland Cavs asfaltano 109-80 a domicilio i Bucks con 21 punti di JR Smith (7 triple), i Clippers battono 103-81 i Lakers nell'ultimo derby di Kobe Bryant, i Bulls perdono 108-92 a Memphis ma restano in corsa per i playoff vista la contemporanea sconfitta dei Pistons 107-89 a Miami, Toronto batte Charlotte 96-90, Atlanta piega Phoenix 103-90 mentre Philadelphia batte 107-93 i Pelincans, interrompe una striscia di 12 sconfitte e centra il decimo successo stagionale.

TAGS:
Basket
Nba
Golden State Warriors
San Antonio Spurs