DeAndre Jordan, incredibile dietrofront: torna ai Clippers

Salta l'accordo già raggiunto con Dallas: Paul e compagni lo convincono. Firma un quadriennale da 88 milioni con la franchigia di Los Angeles. Salary cap record: 70 milioni

DeAndre Jordan, Afp

Forse un colpo di scena così grande non era mai successo nella storia dell'Nba: DeAndre Jordan si rimangia l'accordo che aveva con i Dallas Mavericks e ri-firma con i Los Angeles Clippers. Per il centro un mega contratto quadriennale da 88 milioni di dollari. Per convincere Jordan a tornare sui suoi passi è partita una vera e propria delegazione da Los Angeles: Chris Paul, JJ Redick, Blake Griffin e Paul Pierce assieme al proprietario Steve Balmer sono volati a Houston, raggiungendo DeAndre nella propria abitazione. Lì lo hanno convinto in un lampo a firmare con i Clippers. Nel frattempo, un furioso Mark Cuban, proprietario dei Dallas Mavericks, ha provato invano a contattare Jordan, che si è negato. Sembra che Cuban in persona si aggirasse in auto a Houston alla ricerca dell'abitazione del centro. Niente da fare: DeAndre aveva già firmato per i Clippers.

IL TWEET DI PIERCE

SALARY CAP RECORD

Sale alla cifra record di 70 milioni di dollari il salary cap della Nba, il tetto massimo a cui ogni società della lega basket professionistica statunitense si deve attenere per gli stipendi dei suoi giocatori. L'accordo raggiunto la notte scorsa fra proprietari, Lega e giocatori segna un aumento di ben l'11% rispetto alla scorsa stagione, quando il tetto era a circa 63 milioni portandolo al limite più alto di sempre e contraddicendo le attese secondo cui si sarebbe arrivati a circa 67 milioni.

TAGS:
Mercato nba
Nba
Deandre jordan
Los angeles clippers

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X