Basket, Serie A: Milano cade a Pistoia, Avellino crolla a Brindisi

L'Olimpia è battuta 85-74 dalla The Flexx, la Sidigas perde 94-74 al PalaPentassuglia. Venezia passa a Caserta ed è seconda da sola

foto LaPresse

Si ferma dopo sei vittorie consecutive la marcia dell'Olimpia Milano in campionato: la squadra di Repesa perde 85-74 a Pistoia e vede ridursi a 8 punti il vantaggio su Venezia che si impone 61-58 a Caserta e, complice la pesante sconfitta di Avellino a Brindisi (94-74) è seconda da sola. Cade Capo d'Orlando, sconfitta 74-72 da una Openjobmetis Varese che continua a volare. Trento piega Pesaro, Sassari espugna Cremona, Torino sgambetta Cantù.

Verrà ricordata soprattutto per il debutto di Tarczewski (5 punti per lui) la trasferta amara dell'Olimpia al PalaCarrara di Pistoia. Protagonista di un tour de force con quattro partite disputate in otto giorni tra campionato ed Eurolega, la capolista inciampa sul campo della The Flexx mantenendo comunque un rassicurante vantaggio di 8 punti sulle più immediate inseguitrici. I toscani di coach Esposito, che si rialzano dopo quattro ko di fila, si impongono 85-74 e mandano in doppia cifra ben sei uomini: il più prolifico è Antonutti (15), mentre alla squadra di Repesa (al quarto ko stagionale in Serie A) non bastano i 13 di Hickman. Vittoria con qualche sofferenza in più del previsto per Trento che batte 97-91 una combattiva Consultinvest Pesaro che resta in partita fino alla fine: nella Dolomiti Energia brilla Sutton, protagonista con 23 punti, nel quintetto di Leka ottime le prove di Jones (22), Thornton (20) e Jasaitis (20).

Continua a stupire la Openjobmetis di Attilio Caja che piega Capo d'Orlando al termine di un incontro tiratissimo festeggiando così la quinta vittoria consecutiva: finisce 74-72 e ai siciliani, che interrompono a quattro la striscia di successi, non servono i 26 punti di Archie. Sorride all'ultimo respiro Sassari che al PalaRadi di Cremona batte 78-77 la Vanoli: decisivi due tiri liberi Lighty, poi allo scadere Johnson-Odom sbaglia la tripla che avrebbe dato il successo alla squadra di Lepore. Il Banco di Sardegna torna a sorridere dopo due ko di fila e si gode i 24 punti di Lacey. Al PalaRuffini fa festa la Fiat Torino che si impone 87-76 su Cantù con 18 punti di Harvey e 16 di Poeta: per la Mia-Red October è la prima sconfitta della gestione Recalcati.

Pranzo indigesto per la Pasta Reggia Caserta che perde contro l'Umana Reyer Venezia nell'anticipo di mezzogiorno e prosegue la sua crisi, giunta a sei sconfitte di fila. La partita dei campani inizia però bene, anche senza Edgar Sosa, che ha rescisso il contratto per i mancati pagamenti: la squadra di Dell'Agnello vola a +8 a fine primo quarto e a cavallo della pausa negli spogliatoi Caserta arriva anche al massimo vantaggio sul +17, 40-23. Sul finire del terzo periodo però Venezia cambia marcia, piazza un parziale di 18-3 e sorpassa sul 47-44. L'ultimo quarto è punto a punto ma Caserta non crolla, anzi, rimette la testa avanti e allunga sul 58-54 a un minuto dalla fine. Il pubblico campano ci crede ma prontamente arriva la replica di Venezia che fa -1 con una bomba di Bramos e poi sorpassa con due liberi di Peric, steso da un goffo fallo antisportivo di Bostic. La Reyer ha poi il possesso a favore ma spreca tutto con un fallo in attacco di Haynes e così Caserta ha l'ultimo tiro: l'azione però non si sviluppa, la penetrazione di Berisha non porta a nulla e McGee fissa il definitivo 61-58 con altri due liberi. Alla Pasta Reggia non basta la doppia doppia da 17 punti e 12 rimbalzi di Watt mentre la Reyer, seconda in classifica con quattro vittorie di fila, ha 10 punti da Peric e McGee.

Grazie a una partenza lanciatissima, con il primo quarto chiuso con un clamoroso parziale di 24-5, Brindisi travolge Avellino nel posticipo serale imponendosi 94-74 al PalaPentassuglia. Nella squadra di Sacchetti ottimo l'esordio di Samardo Samuels: l'ex Olimpia Milano mette a referto 17 punti e 8 rimbalzi. Scatenati anche Scott (18) e Carter (14). La Sidigas si sveglia tardi, prova a rientrare in partita nel secondo e nel terzo periodo, ma nell'ultimo scorcio di gara crolla definitivamente: Fesenko e Logan segnano 51 punti in due (28+23) ma coach Sacripanti deve incassare una sconfitta amara che fa scivolare gli irpini al terzo posto. E il programma del prossimo turno prevede un infuocato Venezia-Avellino.

TAGS:
Basket
Venezia
Caserta

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X