Basket, malore in Spagna: morto l'arbitro Gianluca Mattioli

Era stato colto da un virus misterioso alla vigilia del match di Champions League tra Murcia e Monaco

Foto IPP

Grave lutto nel mondo del basket. L'arbitro internazionale Gianluca Mattioli, 50 anni, è morto in un ospedale di Murcia, in Spagna, dove lunedì era stato colto da un improvviso malore prima del match di Champions League. Attaccato da un misterioso virus, il fischietto pesarese alla fine non ce l'ha fatta. Immediato il cordoglio del n.1 della Fip Gianni Petrucci, che ha disposto 1' di silenzio su tutti campi. 

"Ci ha lasciati Gianluca Mattioli - si legge in un comunicato della Fip -. La sua scomparsa improvvisa e inaspettata ha colto tutti di sorpresa. Ci stringiamo con grande affetto alla famiglia di Gianluca colpita dal tremendo lutto". Tutto è successo lunedì, alla vigilia della gara di Champions tra Murcia e Monaco. Mattioli ha avuto un malore e le sue condizioni sono poi peggiorate rapidamente. Trasportato in ospedale, il fischietto pesarese ha lottato contro un misterioso virus per tre giorni, ma alla fine non ce l'ha fatta. Arbitro dal 1985, Mattioli ha diretto 685 gare e il 24 marzo del 2014 aveva raggiunto le 600 partite in serie A dirigendo Super Montegranaro-Armani Milano. Si era distinto in tutte le competizioni europee, Eurolega compresa. In suo onore questo weekend verrà osservato un minuto di silenzio e tutti gli arbitri indosseranno sulla divisa da gioco il nastro nero del lutto.

TAGS:
Basket
Gianluca Mattioli
Morto
Malore
Spagna

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X