Basket, Serie A: Sassari infinita, Venezia si squaglia

La squadra di Sacchetti espugna 90-100 il Taliercio, spuntandola all'overtime. Bene Reggio, Cantù e Roma, Varese torna in crisi

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Sassari corsara al Taliercio, con un successo pesantissimo ai danni di Venezia. Umana Reyer che si arrende 90-100 dopo un overtime dominato da Dyson e compagni. Nel pomeriggio, volta pagina l'Acea Roma che supera 90-84 Bologna. Nella 14a giornata di Serie A da sottolineare anche i successi di Cantù e Reggio Emilia. Cremona festeggia l'accesso alle Final Eight battendo Avellino, Varese si arrende in casa contro Pistoia.

Si comincia proprio da Masnago, dove l'Openjobmetis di coach Pozzecco cede il passo a Pistoia: il 67-71 a favore della squadra di Moretti non solo impone ai padroni di casa il primo stop del 2015, ma spegne anche ogni speranza da parte di Diawara e soci di accedere alle Final Eight di Coppa Italia. A giocarsi l'ultimo biglietto per il PalaDesio saranno Cantù e Avellino: gli uomini di Sacripanti nella giornata odierna hanno passeggiato in trasferta contro Pesaro (83-103), trascinati dai 17 punti di Gentile e Johnson-Odom. I biancoblù salgono così a quota 12 punti in classifica, ad una sola vittoria di distanza da Avellino. Irpini sconfitti 88-81 al PalaRadi di Cremona, con la Vanoli che festeggia nel migliore dei modi la prima storica qualificazione alle Final Eight, messa in cassaforte dopo la sconfitta di Capo d'Orlando nell'anticipo contro Trento. Man of the match Kenny Hayes, che trascina Cremona con 34 punti d'autore. Alla squadra di Frank Vitucci non bastano i 25 punti di Banks. Roma e Reggio Emilia vincono e si lasciano alle spalle le sconfitte con le quali avevano chiuso il 2014: i giallorossi agganciano quota 10 punti in classifica dopo la vittoria 90-84 ai danni di Bologna. Il successo alla squadra di Damonte mancava da cinque partite, tra Eurocup e campionato. La Grissin Bon invece batte 95-74 la Pasta Reggia Caserta (18 punti per Polonara) ancora a secco di vittorie in campionato, e si porta a ridosso di Milano e Venezia.

Coach Sacchetti si aspettava delle risposte dai suoi, ed è stato prontamente accontentato, con Sassari capace anche di incassare qualche colpo di troppo nel corso del match: avanti 38-44 all'intervallo, nel terzo periodo i meccanismi offensivi della Dinamo s'inceppano, con appena 10 punti segnati (5 su 16 dal campo) e Venezia che rientra in partita, presentandosi al quarto periodo avanti 60-54 grazie alle fiammate di Goss e Stone (35 punti in due). Nei minuti finali però, gli ospiti si aggrappano a Edgar Sosa: l'ex Louisville suona la carica (20 punti, 5 assist e rimbalzi) con Goss che a 10" dalla fine si mangia il tiro libero del sorpasso Venezia. Il buzzer beater di Dyson scheggia appena il ferro, e le due squadre vanno così ai tempi supplementari sul risultato di 83-83. Nell'overtime però la squadra di Recalcati si fa dominare da Dyson, 29 punti totali per l'ex UConn, che firma anche il 90-100 finale con una tripla che taglia le gambe ai padroni di casa. Quarto successo in fila per Sassari che sale a quota 20 punti in classifica, mentre per Venezia sfuma la possibilità di andare almeno per una notte in vetta al campionato. Quattordicesima giornata che si chiuderà con il posticipo del Forum tra Milano e Brindisi.

TAGS:
Basket
Milano
Venezia
Varese
Cantù

I VOSTRI COMMENTI

esausto - 05/01/15

con le assenze di Devecchi, Brooks e Sanders la Dinamo gioca dignitosamente e riesce a vincere: incredibile

segnala un abuso