Nuoto, Dall'Aglio trovato morto in palestra

L'atleta 24enne sarebbe stato colpito da infarto durante un allenamento

Nuoto, Dall'Aglio trovato morto in palestra

Mattia Dall'Aglio è stato trovato morto in una palestra di Modena. L'atleta 24enne, ex azzurro del nuoto, sarebbe stato colpito da un malore, probabilmente un infarto, domenica pomeriggio mentre si allenava con i pesi. A ritrovarlo è stato un Vigile del Fuoco quando però non c'era più nulla da fare: inutili i tentativi di rianimazione. Dall'Aglio sarebbe caduto a terra e avrebbe perso i sensi sbattendo la testa. Si attende l'autopsia.

Dall'Aglio, che era stato uno specialista di rana e stile libero e aveva partecipato alle Universiadi in Corea del Sud nel 2015, è stato ritrovato senza vita attorno alle 17 di domenica pomeriggio nella palestra di via Formigina, a Modena. Sulla morte dell'atleta, che era residente a Reggio Emilia, è stata aperta un'inchiesta e si attende l'esito dell'autopsia per conoscere con certezza le cause del decesso, anche se l'ipotesi dell'infarto appare come la più accreditata. Un'anemia falciforme di cui soffriva, come raccontato da un amico, non sembra essere il motivo del malore. Non ci sono testimoni dal momento che il ragazzo si stava allenando da solo nella sala pesi. 

Partecipante abituale ai campionati italiani di nuoto, Dall'Aglio era tesserato con la Reggiana e aveva conquistato tre titoli italiani giovanili con il Club Vigili del Fuoco di Modena dal 2008 al 2010.

TAGS:
Nuoto
Dall'Aglio
Infarto

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X