Ryder Cup, la spettatrice colpita dalla pallina di Koepka ha perso l'uso dell'occhio destro

Farà causa agli organizzatori: "Non ci hanno avvisato che stava per arrivare la pallina"

La meravigliosa Ryder Cup di Parigi lascia anche una terribile eredità. Quella per Corine Remande, la spettatrice 49enne colpita accidentalmente al volto da una pallina. Il colpo dell'americano Brooks Koepka, un drive alla buca sei nella giornata inaugurale, le ha provocato la perdita dell'uso dell'occhio destro. "Il mio bulbo oculare è praticamente esploso", ha spiegato la donna, che ora ha intenzione di fare causa agli organizzatori del torneo.

Corine Remande era arrivata a Parigi assieme al marito dall'Egitto per assistere alla Ryder Cup a Le Golf National. Venerdì, nel corso della prima giornata, il misfatto, con il tee shot dell'americano Brooks Koepka alla buca sei finito troppo largo, sulla sinistra, dritto nell'occhio della donna.

"Non ho capito subito la gravità dell'accaduto. Quando Koepka è arrivato per accertarsi delle mie condizioni ho provato a rimanere positiva con lui, per non deconcentrarlo riguardo alla sua gara", ha detto all'Agence France Press. Il golfista americano era immediatamente corso verso la spettatrice per sincerarsi delle sue condizioni, scusandosi. Dopo il match le ha spedito un guanto autografato.

Ma le condizioni dell'occhio sono apparse subito gravi, con l'immediato trasporto in ospedale dove "i chirurghi hanno dovuto riparare la frattura dell'orbita e l'esplosione del bulbo oculare". "Nel migliore dei casi", ha spiegato il marito, "potrà solo vedere delle ombre dal suo occhio destro".

La donna ha annunciato che con molta probabilità avanzerà delle azioni legali nei confronti dell'organizzazione del torneo: "C'è una chiara responsabilità di chi ha organizzato il torneo", ha detto sempre all'Afp. "Gli ufficiali di gara non hanno urlato alcun avvertimento riguardo al fatto che una pallina stesse per arrivare in mezzo ai tifosi". L'European Pga, organo di governo del golf nel Vecchio continente, ha riferito che verrà aperta un'investigazione sulla questione e che ci vorrà del tempo per i vari accertamenti.

LA DIFESA DELL'ORGANIZZAZIONE

Pronta è arrivata la replica degli organizzatori della Ryder Cup. Uno dei portavoce della competizione ha dichiarato: "È ovviamente triste sapere che qualcuno avrà delle conseguenze a lungo termine per essere stato colpito dalla pallina".

Nel comunicato diffuso si legge una versione diversa da quella portata dalla donna che ha perso l'uso dell'occhio: "La spettatrice colpita dalla palla è stata soccorsa rapidamente e immediatamente trasportata in ospedale. Siamo stati in contatto con la famiglia, offrendo supporto immediato e succesivo alla vicenda, aiutando con la logistica e con il rimpatrio, incluso il trasferimento della famiglia da Parigi a Lione. Continueremo a dare il nostro appoggio".

"Essere colpiti da una pallina è un rischio occasionale per gli spettatori ma questo tipo di incidente è davvero raro. Possiamo confermare che 'FORE' è stato gridato parecchie volte ma è anche difficile capire dove e quando la pallina andrà a cadere se si è tra la folla. Stiamo dalla parte degli spettatori e facciamo di tutto per loro, facciamo tutto quello che è nelle nostre capacità in queste difficili situazioni".

TAGS:
RYDER CUP
Brooks koepka

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X