Florida, Tiger Woods arrestato per guida in stato di ebbrezza

L'ex n°1 è stato bloccato e poi rilasciato dopo poche ore

Florida, Tiger Woods arrestato per guida in stato di ebbrezza

L’ex numero uno del golf mondiale, Tiger Woods, 41 anni, è stato arrestato in Florida per guida in stato di ebbrezza. Lo provano i registri online del carcere della contea di Palm Beach, da cui risulta che Woods sia entrato in prigione alle 7.18 di lunedì mattina dopo che era stato fermato a Jupiter (Florida). Poi è stato rilasciato alle 10.50.

Qualcuno parla di carriera finita per uno dei più grandi giocatori mai visti sul green. La sua carriera agonistica è senza macchia: 14 Major vinti, decine di tornei in bacheca e 683 settimane al vertice del World Ranking.

La sua vita lontano dal golf invece è stata segnata da tanti bassi. Da quando nel 2009 è stato abbandonato dalla moglie, la modella svedese Elin Nordegren, stanca dei suoi tradimenti, Elderick Tont Woods non ha più rialzato la testa. Ha trascorso qualche tempo in una clinica per curare la sua dipendenza dal sesso, si è fidanzato con Lindsey Vonn, la campionessa di sci che lo ha abbandonato pure lei per una questione di corna. Quindi è tornato a giocare, si è bloccato di nuovo alla schiena tanto da finire sotto i ferri ad aprile.

Tiger Woods e la convalescenza
Tiger Woods era tornato a far parlare di sè solo qualche giorno fa per aver ribadito di voler tornare “inequivocabilmente” ad essere un giocatore professionista. Woods è reduce dalla quarta operazione alla schiena e non sa quanto potrà tornare ad allenarsi. Ci vorranno mesi per ripresentarsi in campo pratica e quindi tutto lascia pensare che la stagione 2017 sia già da considerarsi chiusa.

TAGS:
Golf
Tiger Woods
Arrestato
Guidava in stato di ebbrezza

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X