Mondiali Ciclismo, Vicenza beffata: l'edizione del 2020 sarà in Svizzera

Nel 2021 l'edizione iridata si svolgerà nelle Fiandre, in Belgio

Mondiali Ciclismo, Vicenza beffata: l'edizione del 2020 sarà in Svizzera

Il sogno di ospitare nel 2020 i Mondiali su strada di ciclismo, per Vicenza, è tramontato definitivamente. A Innsbruck (Austria), dov'è in corso fino a domenica la rassegna iridata 2018, l'Unione ciclistica internazionale ha deciso la sede per la rassegna in programma fra due anni (nel 2019 si correranno nello Yorkshire): la scelta è caduta sulla Svizzera, in particolare sui Cantoni francofoni del Vaud e del Vallese. Per il Paese elvetico, che ospitò il Mondiale su strada per l'ultima volta nel 2009 (a Mendrisio), si tratta dell'11ª edizione, la prima nella Svizzera Romanda.

Il Mondiale su strada del 2021, invece, è stato invece assegnato alle Fiandre: il Belgio tornerà ad ospitare l'evento iridato che mancava da Zolder 2002. Nel 2024, infine, le maglie iridate verranno messe in palio sulle strade della Svizzera tedesca, ma le località non sono ancora state ufficializzate.

Il Turkmenistan (Achgabat) ospiterà il Mondiale su pista del 2021, nello stesso anno in Val di Sole andrà in scena quello della mountain bike che l'anno dopo si disputerà a Les Gets (Francia) e nel 2024 a Vallnord Pal Arinsal (Andorra). Il Mondiale su strada del 2022 dovrebbe disputarsi per la prima volta in un continente inedito: l'Africa è in pole position.

TAGS:
Mondiali
Ciclismo
Vicenza

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X