Ciclismo, Armstrong patteggia con il governo Usa e si accorda per 5 milioni

L'ex re delle due ruote rischiava il processo e 100 milioni di multa

Ciclismo, Armstrong patteggia con il governo Usa e si accorda per 5 milioni

L'ex campione di ciclismo Lance Armstrong ha raggiunto un accordo che prevede il pagamento di cinque milioni di dollari in un patteggiamento nell'ambito della causa da 100 milioni di dollari intentata dal governo Usa contro il ciclista. Originariamente la causa era stata presentata dal suo ex compagno di squadra Floyd Landis, alla quale il governo si è unito nel 2013 dopo l'ammissione pubblica di Lance di essersi dopato per migliorare le sue prestazioni.

Dopo l'ammissione di colpevolezza, il sette volte vincitore del Tour de France ha perso tutti i titoli ed è stato bandito dalle gare. Armstrong ha avuto anche gravissimi danni finanziari, con la perdita di tutti i principali sponsor e la condanna a pagare oltre 10 milioni di dollari di danni in una serie di cause legali. L'annuncio oggi giunge proprio alla soglia del processo, il cui inizio era fissato per il prossimo 7 maggio a Washington.

In una dichiarazione alla Associated Press, l'ex campione di ciclismo ha affermato che è lieto di aver "fatto pace con il Postal Service (l'ente postale americano che era sponsor del ciclista, ndr). Mentre credo che la loro causa contro di me fosse senza merito e ingiusta e spendo molti soldi per risolverla. Dal 2013 ho tentato di prendermi la piena responsabilita' per i miei errori e per la condotta inappropriata e di rimediare dove possibile".

TAGS:
Ciclismo
Armstrong
Doping
Usa

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X