Tour de France: Nibali re, ultima tappa a Kittel

Il tedesco s'impone sugli Champs-Élysées, il siciliano festeggia il suo trionfo 16 anni dopo l'ultimo successo di Pantani

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Anche gli Champs-Elysees consacrano Vincenzo Nibali come trionfatore del Tour de France. Il tedesco Kittel vince in volata sul rivale Kristoff l'ultima tappa, 77 chilometri da Evry a Parigi, e trova il quarto successo della sua Grande Boucle. L'italiano festeggia la maglia gialla tra brindisi, complimenti e la commozione generale: un italiano torna a vincere la corsa a tappe più prestigiosa del mondo a 16 anni di distanza da Marco Pantani.

Tra champagne e scherzi, la carovana gialla celebra il primo successo al Tour de France in carriera del messinese e l'impresa (riuscita a soli cinque ciclisti nella storia) di vincere Giro d'Italia, Vuelta di Spagna e Grande Boucle. Poco da segnalare nel corso della tappa, se non fosse per una pericolosa caduta nelle retrovie in cui rimane coinvolto anche il secondo in classifica Jean-Christophe Peraud, abile comunque a rientrare in agilità su un gruppo che, correttamente, lo aspetta. A una ventina di chilometri dal termine un quartetto tenta la fuga, complicatissima in una giornata come questa: sono Fonseca, Christensen, Serpa Perez e Richie Porte, uno dei grandi delusi di questo Tour. Nulla da fare, i quattro vengono raggiunti a 7 chilometri dalla fine: è giornata per velocisti. Prima dell'arrivo sugli Champs-Élysées c'è spazio ancora per un timido tentativo di Simon Clarke, ripreso dopo pochi metri. Come da pronostico, l'ultima volata del Tour 2014 è un duello tra Kittel e Kristoff: vince di mezza ruota il tedesco, al terzo posto si piazza Navardauskas. Ma le telecamere le merita tutte Nibali, che travolto dall'emozione taglia il traguardo faticando addirittura ad alzare le braccia al cielo. La scena più bella arriva appena sceso di bicicletta: il bacio alla moglie Rachele e alla piccola Emma.

I COMPLIMENTI DEL PRESIDENTE NAPOLITANO

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, si è congratulato con Vincenzo Nibali per la vittoria al Tour de France. ''Congratulazioni a Vincenzo Nibali per l'importante vittoria e per la grinta e l'energia dimostrate dando onore allo sport italiano - si legge in una dichiarazione del Capo dello Stato - Spero di potermi prossimamente complimentare di persona con lui e con gli altri azzurri che, a cominciare dalle campionesse in tennis e scherma, hanno raggiunto in questi ultimi tempi grandi successi".

TAGS:
Ciclismo
Tour
Nibali

I VOSTRI COMMENTI

sportivo1953 - 28/07/14

benj tu potrai obbiettare ke anke nel ciclismo ci sn stati tanti casi di doping... certo ma solo xkè nel ciclismo si eseguono controlli serissimi in altri sport nn è la stessa cosa e neppure nel gioco del calcio
Cmq anke col doping un ronzino nn diventa un cavallo
Nn comprendo poi come puoi giudicare noioso uno sport ke nn conosci.... e attraenti le continue polemike sul calcio

segnala un abuso

sportivo1953 - 28/07/14

Nn capisco il tifoso ke vuole vedere vincitore la sua squadra anke senza meriti
Forse beny dovresti andare a vedere una gara ciclistica x capire ke tifare vuole dire applaudire tt gli atleti dal primo all'ultimo senza distinzione di maglia e nazione
In questo tour ha vinto Nibali xkè era il forte ma meritevoli sn tt anke l'ultimo, solo ki pratica uno sport conosce questo concetto e solitamente ki segue il ciclismo lo pratica anke nel mio caso come triathlon

segnala un abuso

patatina - 28/07/14

Hai dato un senso a questo tour e ci hai portato in trionfo a noi Italiani dopo marco pantani...6 un grande uomo,un grande campione...grazie squalo giallo...

segnala un abuso

tifoJuve1952 - 28/07/14

Grande Vincenzo porta la maglia gialla a mamma Tonina
Molti di quelli che commentano seguono più il calcio che il ciclismo.
Ho iniziato a seguire il ciclismo che avevo 8 anni e il mio idolo era Gaul e non mi piaceva Anquetil perché? Non lo so ancora ora. Felice Gimondi è ancora nei miei ricordi più vivi: Ha vinto anche se come avversario Eddy Merckx.Quanti Grandi Ciclisti vorrei ricordare ma lo spazio è quello che è. Un ricordo per il "Pirata", purtroppo debole come uomo
.

segnala un abuso