Doping, Schwazer ci ricasca: ancora positivo

La sua partecipazione alle Olimpiadi è improbabile

Doping, Schwazer ci ricasca: ancora positivo

Scandalo Alex Schwazer. Il marciatore azzurro è stato trovato nuovamente positivo a un controllo antidoping effettuato l'1 gennaio 2016 come riporta in anteprima La Gazzetta dello Sport. Clamorosa la dinamica dei fatti: il campione di urina e sangue prelevatogli a Capodanno è risultato ricco di steroidi solo dopo dei controlli successivi effettuati il 12 maggio. Ora la sua partecipazione alle Olimpiadi di Rio è improbabile.

L'AVVOCATO: "ACCUSE FALSE E MOSTRUOSE"

"Si tratta di accuse false e mostruose". E' il commento dell'avvocato Gerhard Brandstaetter, legale del marciatore Alex Schwazer che - secondo quanto riporta un articolo della Gazzetta dello Sport - è stato nuovamente testato positivo durante un controllo antidoping. "Ora è successo quello che Alex ha sempre temuto, ma noi ci difenderemo e faremo causa", ha aggiunto Brandstaetter.

"Stiamo raccogliendo dati". Questo il commento della manager di Alex Schwazer. Oggi pomeriggio, a Bolzano, alle ore 18, ci sarà una conferenza stampa.

LA RICOSTRUZIONE

LA RICOSTRUZIONE

È "mistero" sul controllo effettuato a Vipiteno a Capodanno, un test a sorpresa della Iaaf. Il campione di sangue e urina prelevato è stato controllato due volte e solo alle seconde analisi mirate, effettuate dopo che Schwazer ha centrato la qualificazione per Rio l'8 maggio nei Mondiali a squadre, è risultato positivo. "La Iaaf ha riscontrato in un controllo mirato sugli steroidi una quantità abnorme di anabolizzanti steroidi ma per estrema sicurezza ha aspettato solo ieri alle 19 per comunicare la notizia alla federazione italiana e all`atleta", scrive La Gazzetta dello Sport. Puliti, per ora, invece gli altri controlli effettuati dall'1 gennaio in poi,

L'olimpionico di Pechino 2008 il 6 agosto 2012, ai Giochi di Londra, ricevette la notizia della positività per Epo in un test a sorpresa: espulso dall`Olimpiade, fu squalificato per 3 anni e mezzo, poi maggiorati di altri 3 mesi, fino al 29 aprile 2016. L`8 maggio, a Roma, tornò in azzurro vincendo la 50 km al Mondiale a squadre.

GIOMI: "SONO SCONVOLTO"

"Al momento sono sconvolto, stiamo cercando di capire". E' il breve commento del presidente della Fidal Alfio Giomi alla notizia della presunta nuova positivita' di Alex Schwazer, arrivando al Quirinale per la cerimonia della consegna del Tricolore al portabandiera di Rio 2016.

TAGS:
Schwazer
Doping
Marcia
Atletica
Olimpiadi