Sport e successo: come usare la mente per esprimere al meglio il proprio talento

Albertini, Cassani, Scabbio e Roberto Re spiegano come sprigionare il potenziale: "Van Basten era il più forte anche dal punto di vista mentale"

"Quando ero nelle giovanili del Milan ho incontrato tanti talenti, ma la maggior parte di loro non è diventata professionista perché non ha saputo gestire la propria mente". La rasoiata, meno comprensibile di quanto sembri per chi non ha mai approfondito l'argomento, porta la firma di Demetrio Albertini, che nella splendida cornice di Expo 2015 manda un messaggio deciso a ogni atleta di qualsiasi disciplina.

Nel corso dell'evento 'Mente, sport e talento', organizzato da Roberto Re - mental coach numero 1 in Italia - e Stefano Scabbio - presidente Area Mediterranea ManpowerGroup -, l'ex centrocampista della Nazionale spiega uno dei pericoli maggiori a cui va incontro un calciatore: "Ho visto talenti molto bravi che poi non sono cresciuti perché non sono mai stati abituati alla difficoltà di incontrare qualcuno più bravo di loro. Chi era più abituato prima, è poi riuscito a essere un grande professionista. Il più forte di tutti dal punto di vista mentale? Van Basten, ma tutto quel Milan era forte. Non avevamo paura né di vincere, né di perdere. In allenamento si faceva gara a stare davanti. Erano cose naturali, erano regole non scritte che ci hanno permesso di segnare la storia del calcio mondiale".

Preparare la mente di uno sportivo in modo che possa gestire al meglio alcuni, possibili, fattori depotenzianti come (ad esempio) paura e pressioni è una delle missioni di Roberto Re, mental coach di celebri campioni quali Jessica Rossi, Lorenzo Bernardi, Isolde Kostner, Kristian Ghedina. "La componente mentale oggi è fondamentale - spiega il fondatore di Hrd -. L'atleta migliore, fisicamente preparatissimo e tecnicamente numero 1, se al momento della prestazione non è mentalmente pronto, farà un disastro. Una cosa che mi ha sempre sconvolto è che per la componente fisica e tecnico/tattica viene dedicato un impegno di tempo ed energia incredibile, mentre la parte mentale non è mai stata curata. Ora qualcosa sta iniziando a cambiare, in Italia è ancora qualcosa di nuovo ma diventerà normalissimo come è ovvio che sia".

Davide Cassani, c.t. della Nazionale italiana di ciclismo, racconta la straordinaria importanza della testa quando si è seduti sulla sella: "Nella mia vita più o meno ho fatto 850mila chilometri, vuol dire che ho pedalato per circa 1.200 giorni, vuol dire che, nei miei 54 anni di vita, più di tre anni li ho passati in bicicletta. Ho avuto tanto tempo per pensare e mettere in pratica tecniche che nessuno mi ha insegnato ma ho imparato sulla mia pelle. Ancora adesso, con la testa, riesco a comandare i muscoli anche quando i muscoli non ce la fanno più".

Certe consapevolezze, come spiegato da Cassani, maturano solamente col passare degli anni e proprio per questo motivo diventa necessario l'intervento di un mental coach in grado di anticipare i tempi. "La maggior parte degli atleti, verso fine carriera, ha l'esperienza per gestirsi mentalmente - sottolinea Roberto Re -, solo che non ha più il fisico per poter esprimere al massimo il proprio potenziale. Il mio lavoro aiuta le persone a imparare prima a gestire meglio la tensione, lo stress, il dialogo interno e tutto ciò che dà accesso al proprio potenziale".

Uno degli sport nel quale è più diffusa la figura del mental coach è la pallavolo. "E' frequente nelle squadre al top - racconta Marco Mencarelli, allenatore della Futura Volley Busto Arsizio -. C'è il mental coach che aiuta lo staff nella lettura del comportamento degli atleti e c'è il mental coach del singolo atleta che nasce dall'adesione, dalla decisione del giocatore. Non esiste quello di squadra". Sport e vita vanno di pari passo: "Oggi la società ci impone di essere estremamente competitivi e di sviluppare alcune virtù quali la resilienza, lo spirito di sacrificio e il coraggio di affrontare certe situazioni - dice Stefano Scabbio -. Nello sport, come nelle aziende, capire che qualcuno può aiutarti a esprimere una performance superiore è una cosa estremamente importante".

E a capirlo prima di tutti, ancora una volta, è stato Roberto Re, che è pronto a inaugurare un progetto ambizioso e innovativo: "Vent'anni fa mi prendevano per un marziano. Adesso, dopo anni che seguo campioni del mondo e medaglie d'oro olimpiche, stanno iniziando a venirmi a cercare. Abbiamo creato un istituto internazionale di coaching mentale per sportivi (International sport mental coaching institute). Entro la fine dell'anno lanceremo questo progetto, saremo in grado di seguire gli atleti ma lavoreremo anche da un punto di vista di diffusione e divulgazione. Abbiamo creato un corso audio-video che sarà disponibile on line e avrà un costo accessibile per tutti. Potrà essere seguito dal mega professionista e dal ragazzino di 13 anni che sta iniziando, dall'amatore di golf e da quello che va a correre la maratona la domenica. Sarà per chiunque voglia imparare le basi della preparazione mentale, perché se non hai le basi difficilmente genererai risultato o lo farai a fatica, in base a esperienze ed errori passati. La testa non deve lavorare contro di te. Saper gestire la pressione, nel momento decisivo, fa tutta la differenza del mondo".

TAGS:
Altrisport
Albertini
Davide cassani
Roberto re

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X