Dakar, basta con la retorica

E' pericolosa, ma chi la corre è consapevole

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

LUCA BUDEL

Hernik, AFP

Di fronte all’ennesimo lutto che allunga il triste elenco della Dakar occorre una riflessione lucida, lontana dalla retorica di chi – alle prese con la morte di un pilota – chiede di fermarsi, di smetterla con questa corsa al massacro. Il primo punto riguarda il libero arbitrio. Nessuno era obbligato a correre nel deserto africano prima, così come nessuno lo è oggi sull’infernale tracciato da percorrere nell’estate sudamericana.

Michal Hernik avevo scelto di iscriversi alla gara spinto dalla sua passione per il fuoristrada. Partire da Buenos Aires per questo pilota di 39 anni era il coronamento di un sogno – sottolineato dal marchio della Dakar tatuato sul polso destro - dopo aver partecipato ad altre gare nel deserto. Hernik era perfettamente consapevole dei pericoli connessi alla sua partecipazione, così come lo sono tutti i piloti, professionisti e amatori, che decidono di dedicarsi alle corse.

Che si tratti di fuoristrada o di pista, in comune per tutti c’è il rischio di cadere, di farsi male, di morire. Sono pensieri brutti che, quando corrono, i piloti tendono a rimuovere. Ma la zona d’ombra resta un dato di realtà da affrontare. Il deserto non ha perdonato Hernik, così come aveva fatto con celebrati campioni come Lalay, Sainct e il nostro Meoni, scomparso 10 anni fa in Africa. Uomini che vivevano per 11 mesi con un solo obiettivo, correre la Dakar.

Lo stesso discorso vale per chi ogni anno decide di mettere in gioco la propria vita partecipando al Tourist Trophy, sfidando il tracciato dell’isola di Man. Anche correre su quell’asfalto, protagonista di vicende tragiche, è una scelta perfettamente consapevole di chi la compie. Così la maniera migliore per rispettare Hernik è ricordare l’uomo, con la sua passione che lo ha portato in Argentina a confrontarsi con altri compagni di avventura. La retorica dei detrattori della Dakar sarebbe solo un’offesa alla memoria di Michal.

TAGS:
Dakar

I VOSTRI COMMENTI

rickymazza - 08/01/15

E' vero che la competizione motoristica e' pericolosa, e chi corre e' consapevole.
Tuttavia la Dakar secondo me e' troppo pericolosa, e le numerose vittime e incidenti gravissimi lo confermano.
Sono consapevole che non potra' mai essere una gara sicura, ma si dovrebbe investire per rendere la corsa piu' umana e meno simile ad una roulette russa.
Aggiungo che sono un motociclista e che capisco la passione per la moto, l'avventura il fuoristrada ecc.

segnala un abuso

Leonardo-da-Vinci - 08/01/15

Ho corso la Dakar nel 1988, era ancora la Dakar in Africa, sono arrivato a Dakar e non fra i primi ma sono arrivato. Chi corre, chi rischia lo fa per il giusto del rischio in se stesso. Lo rifarei domani anche a 62 anni di eta'. La corsa e' adrenalina allo stato puro. Chi non accetta il rischio non puo' capire.

segnala un abuso

gfossati58 - 08/01/15

le competizioni motoristiche non sono uno sport ma sono competizioni motoristiche.
Questo comunque non esula che ,come nello sport, chi ne prende parte deve avere la preparazione psico-fisica più che adeguata per affrontarle.

segnala un abuso

99maurizio99 - 08/01/15

Ho corso la Parigi Dakar con le moto nel 2012. Nelle prime tappe sono quasi morto per la fatica e non sono riuscito a terminare la gara perche' un'auto di un equipaggio francese mi ha investito , per fortuna senza gravi conseguenze fisiche , ma con moto distrutta. Morale : se potessi la rifarei domani.
Chi non capisce , non e' uno sportivo.

segnala un abuso

gaekut7 - 08/01/15

D'accordo con Budel, é una sfida, chi partecipa conosce i rischi. Inutile parlare dopo una tragedia, é un sottinteso, corri rischi, a tutti i livelli!

segnala un abuso

dantex17 - 07/01/15

SE si pensa che la dakar (che con Dakar, ormai, non ha più niente a che fare...) sia pericolosa, la si elimini dal calendario e non la si faccia più.
SE si continua a farla, ogni anno (probabilmente) saremo qui a raccontare di morti.
Concordo con l'articolo.

segnala un abuso