Motocross delle Nazioni, l'Italia sul podio

Trascinati da Cairoli, gli azzurri chiudono terzi alle spalle di Belgio e Usa a Teutschenthal

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Alessandro Lupino (motocrossmx1.com)

Trascinata da uno straordinario Antonio Cairoli, l'Italia è tornata sul podio del Motocross delle Nazioni. A Teutschenthal, in Germania, gli azzurri capitanati dal sette volte campione del mondo hanno conquistato il terzo posto finale nella prestigiosissima gara a squadre, giunta alla 67.a edizione, chiudendo alle spalle del Belgio di Desalle, De Dycker e van Horebeek e ai delusi Usa di Dungey, Tomac e Barcia. Davanti a un pubblico incredibile (85mila spettatori nel weekend) Cairoli ha dominato le due manche, vinte d'autorità, mentre David Philippaerts (14° e 10°) e Alessandro Lupino (13° e 8°) hanno dato il loro determinante contributo per riassaporare un piazzamento da "top 3" che mancava da dieci anni.

Gli azzurri con il trofeo del terzo posto

Per Cairoli si tratta della ciliegina su una torta che finora non lo aveva mai visto sul podio finale del Nazioni, pur avendo vinto ben sei manche individuali. In classifica il Belgio ha chiuso con 27 punti, contro i 30 dei favoriti americani, che per la seconda volta di fila hanno mancato il successo, e i 33 della formazione italiana. Alle loro spalle Australia (40) e Francia (44). "Sono davvero felice per questo podio - ha spiegato il ct azzurro, Thomas Traversini - perché i ragazzi hanno dato il massimo dal primo all'ultimo metro di gara. Cairoli non ha più nulla da dimostrare e ha vinto imperiosamente le sue due gare. Lupino e Philippaerts invece volevano mettersi in luce e ci sono riusciti. E’ stato davvero bello portare questa squadra sul podio, i ragazzi se lo sono meritato. Rammarico? No, Belgio e Stati Uniti avevano qualcosa in più. Il nostro è un grande risultato".

TAGS:
Motocross delle Nazioni
Cairoli
Lupino
Philippaerts

I VOSTRI COMMENTI

Nessun commento