libertà di scelta

Mattarella: 2 giugno festa che riunisce tutti gli italiani

"Il Paese nel suo complesso è molto migliore di come noi stessi a volte la dipingiamo". Fanfara e Tricolori hanno chiuso la parata

Twitter

Sulle note dell'inno d'Italia, con il passaggio della fanfara dei carabinieri a cavallo e delle pattuglie acrobatiche delle frecce tricolori, che hanno reso onore al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e al ministro della Difesa Roberta Pinotti, si è chiusa la parata di via dei Fori Imperiali in occasione della festa della Repubblica. "Oggi è la festa della libertà di scelta, è la festa che riunisce tutti gli italiani: il 2 giugno del 1946 l'introduzione dell'autentico suffragio universale fece compiere il salto di qualità all'Italia". E' il messaggio del Capo dllo Stato: "L'Italia nel suo complesso  è molto migliore di come noi stessi a volte la dipingiamo".

"Cornice repubblicana ed europea insieme sono l'ambito più efficace d'iniziativa dell'Italia contemporanea. A sfide globali occorrono risposte globali. Terrorismo, crisi finanziarie, migrazioni: nessun Paese è in grado di affrontarle da solo. L'Europa non deve ritrarsi dalle sue responsabilità", afferma al Corriere della Sera.

Sulla cosiddetta questione morale, il Capo dello Stato precisa: "La corruzione in Italia esiste ed è un fenomeno grave, ma a differenza di altri luoghi da noi viene combattuta e la risposta delle istituzioni si fa sentire".

Infine, sul suo stile 'antimediatico' Mattarella commenta: "E' indispensabile rispettare le regole che presiedono la democrazia, tra cui il non superare i limiti delle proprie competenze: neppure il presidente della Repubblica può attribuirsi compiti che la Costituzione affida ad altri".

I numeri della parata. Circa 3.600, tra militari e civili, hanno sfilato sui Fori Imperiali. In apertura, dopo la banda dell'Esercito,presenti 400 sindaci con le loro fasce tricolori, in rappresentanza degli 8.000 Comuni italiani: si tratta di una novità assoluta di quest'anno "a simboleggiare come il 2 giugno sia la 'festa di tutti' e non solo delle Forze armate". La sfilata è stat suddivisa in sette settori. Dopo i sindaci, è cominciata la parata tradizionale, aperta dalla banda dei Carabinieri. A seguire, le bandiere delle forze armate e i gonfaloni di Regioni, Comuni e associazioni di ex combattenti. Poi la 'Rivista' storica anche con una compagnia in uniforme della prima guerra mondiale. E infine in cielo sono nuovamente passate le Frecce tricolori.

TAGS:
Mattarella
2 giugno