2016, un anno di sangue in Turchia. Dalla strage all'aeroporto di Istanbul al massacro di bimbi al matrimonio curdo

Diversi attentati, un fallito colpo di stato e un ambasciatore russo ucciso durante un evento pubblico

Afp

L'attacco della scorsa notte di Capodanno alla discoteca Reina di Istanbul è soltanto l'ultimo di una serie di attacchi terroristici che ha colpito la Turchia nell'ultimo anno. Questi i più gravi.

- 17 febbraio: potente autobomba contro un convoglio militare in pieno centro ad Ankara: 28 morti e oltre 60 feriti.

- 13 marzo: nuova autobomba guidata da un kamikaze esplode nell'affollato centro di Ankara nell'ora di punta serale vicino ad un autobus nell'affollato centro uccidendo 38 persone. Il governo accusa il Pkk e bombarda i curdi in Iraq.

- 28 giugno: attacco con un ordigno e uomini armati all'aeroporto Ataturk di Istanbul: 42 morti. La strage viene attribuita all'Isis.

- 15 luglio: fallisce un golpe militare. Il presidente Erdogan rientra a Istanbul dove viene stato accolto da un bagno di folla. Decisivo il ruolo della polizia. Il Paese ha sfiorato la guerra civile e il bilancio provvisorio è drammatico: i morti sono 265 solo nelle prime 24 ore. Arrestati quasi 3mila militari, il governo non esclude la reintroduzione della pena di morte. Alcuni golpisti fuggiti in Grecia: saranno estradati. Ankara rimuove 2.745 giudici.

- 20 agosto: un kamikaze minorenne si fa esplodere a un matrimonio a Gaziantep, uccidendo 51 persone, fra cui almeno una trentina fra bambini e ragazzini. Incolpato l'Isis.

- 9 ottobre: miliziani curdi attaccano una base dell'esercito turco nella provincia sudorientale di Hakkari, al confine con l'Iraq, ma vengono respinti: 18 soldati uccisi.

- 10 dicembre: doppio attacco dinamitardo fuori dallo stadio di calcio del Besiktas, vicino al night club Reina, uccidendo 44 persone. Rivendica un gruppo curdo Tak (Falchi per la liberazione del Kurdistan).

- 19 dicembre: l'ambasciatore russo in Turchia, Andrei Karlov, viene ucciso a colpi d'arma da fuoco in un agguato ad Ankara. Fonti di Mosca, citate dai media locali, hanno precisato che il diplomatico stava tenendo un discorso a una mostra fotografica quando è stato aggredito. Altre tre persone ferite. L'aggressore, che parlava di vendetta per la Siria, è stato poi ucciso dalla polizia.

- 1 gennaio 2017: 2 o 3 terroristi vestiti da Babbo Natale sparano alla cieca contro la folla nella discoteca Reina a Istanbul, la notte di Capodanno, uccidendo almeno 39 persone, fra cui 15 stranieri, e ferendone altre decine.

TAGS:
Turchia
Attentati
Terrorismo
2016
Recep Tayyip Erdoğan

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X