Mentre Ascoli apre un'altra indagine, il Procuratore di Rieti denuncia: "Vista più sabbia che cemento"

Il secondo fascicolo per "atti non costituenti reato" è volto a consentire accertamenti legali

Ansa

La Procura di Ascoli Piceno ha aperto un fascicolo di indagine sul terremoto che ha provocato vittime e crolli nel territorio, in particolare ad Arquata e Pescara del Tronto. Si tratta di un fascicolo per "atti non costituenti reato", volto a consentire accertamenti legali, che il pm Umberto Monti ha affidato ai carabinieri.

Il primo incarico affidato ai militari dal magistrato è stata l'identificazione dei cadaveri e la geolocalizzazione del ritrovamento dei corpi. Sulla base dei risultati si potranno ricostruire eventuali responsabilità relative alla costruzione, ricostruzione o consolidamento sismico delle abitazioni.

Parte del territorio ascolano colpito dal sisma del 24 agosto (Arquata, Pescara, Montegallo) aveva già subito danni con il terremoto del 1997. Una volta conclusa la fase preliminare, la Procura deciderà gli altri passi dell'inchiesta.

E' già al lavoro il procuratore capo di Rieti Giuseppe Saieva che si è recato nei paesi toccati dal disastro per un primo sopralluogo. Gli sono bastate poche ore sulle macerie per lanciare l'allarme: "All'ingresso del paese ho visto una villa schiacciata sotto un'enorme tettoia di cemento armato", racconta. "Poco lontano c'era anche un palazzo di tre piani che aveva tutti i tramezzi crollati. Devo pensare che sia stato costruito al risparmio, utilizzando più sabbia che cemento". Chiaramente serviranno le perizie tecniche per verificare queste prime impressioni: "Cose che accerteremo a tempo debito. Se emergeranno responsabilità e omissioni, saranno perseguite. E chi ha sbagliato, pagherà".

TAGS:
Cronaca ascoli

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X