A SETTIMO SAN PIETRO

Cagliari, marito e moglie uccisi in casa: si cercano i figli adottivi

E' successo a Settimo San Pietro. Sui corpi segni di violenza: l'arma del delitto potrebbe essere un bastone

Ansa

Due coniugi sono stati uccisi nella loro casa di Settimo San Pietro, nel Cagliaritano. Le vittime sono Giuseppe Diana, 67 anni, e la moglie Luciana Corgiolu, 62 anni. Gli inquirenti non escludono una rapina finita in tragedia. Ma si seguono anche altre piste: al momento non è stato possibile rintracciare i due figli adottivi della coppia, nati in Bielorussia. Diana e la moglie sarebbero stati uccisi con un bastone o con un'arma da taglio

L'omicidio almeno due giorni fa - A dare l'allarme che ha portato al ritrovamento dei corpi è stato un parente, che non vedeva i coniugi da due giorni. La morte potrebbe risalire a circa 40 ore prima del ritrovamento dei cadaveri.

I figli - Il figlio minore della coppia ha 24 anni mentre il maggiore, militare, ne ha 28. Diana era un cuoco in pensione mentre la moglie era ostetrica.

Al momento non ci sono certezze sul modo in cui la coppia è stata uccisa. La scena del crimine, secondo quanto si è appreso, risulterebbe molto confusa, segno questo che potrebbe indicare una sorta di colluttazione. Sul posto è intervenuta la polizia con gli investigatori della Squadra mobile.

TAGS:
Cronaca cagliari
Settimo san pietro
Giuseppe Diana
Luciana Corgiolu

Argomenti Correlati